Dopo 37 anni la NASA ha riattivato i propulsori di Voyager 1

by • 7 dicembre 2017 • ESTERI, Visualizza in HomeCommenti (0)120

Dopo essere rimasti fermi per 37 anni, un set di propulsori della sonda spaziale Voyager 1 è stato riattivato per la prima volta dalla NASA per estendere il più possibile la missione che dura ormai dal 1977, anno in cui fu lanciata. Voyager 1 si trova a circa 20 miliardi di chilometri dalla Terra ed è l’unico oggetto costruito dall’uomo ad avere raggiunto lo Spazio interstellare, la porzione di Spazio tra una stella (in questo caso il nostro Sole) e le altre. L’accensione sperimentale è stata eseguita lo scorso mercoledì 29 novembre e confermata nel fine settimana dalla NASA.

A partire dal 2014, i ricercatori si erano accorti che i set standard di propulsori (“attitude control thrusters”) utilizzati per orientare la sonda, in modo che la sua antenna sia sempre indirizzata verso la Terra, iniziavano ad avere qualche acciacco dovuto all’età e non funzionavano più a dovere. I propulsori su questo tipo di sonde possono essere paragonati a una bomboletta spray: quando si attivano emettono piccoli getti di gas (idrazina) per pochi millesimi di secondo, modificando l’orientamento della sonda. Preoccupati dall’eventualità di non riuscire più a comandare Voyager 1 e a perdere quindi i contatti, i ricercatori della NASA hanno analizzato i programmi vecchi di 40 anni che la fanno funzionare, notando che avrebbero potuto sfruttare un set diverso di propulsori inizialmente progettati per altri scopi, legati a correggere la rotta della sonda quando decenni fa raggiunse pianeti come Giove e Saturno, nel suo cammino verso i confini del Sistema solare.

Quei propulsori non erano più stati utilizzati dopo l’8 novembre 1980, quindi non era sicuro che potessero funzionare. Dopo avere inviato il comando per riattivarli, i ricercatori hanno atteso con apprensione le oltre 19 ore necessarie per ricevere un segnale di risposta dalla Voyager 1. Il messaggio è infine arrivato confermando l’esito positivo del test. Grazie a questi propulsori ora la NASA potrà mantenere i contatti per almeno altri 3 – 4 anni con la sonda, i ricercatori sono intanto al lavoro per studiare un sistema analogo da utilizzare su Voyager 2, la sonda gemella che si appresta a raggiungere lo Spazio interstellare.

________________________________________________________________
schermata-2016-10-01-alle-19-19-06
COSTA PARADISO NEWS SUPERA 400.000 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 132 STATI E 968 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 10 giugno 2017)
_______________________________________________________________

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *