Il salvavita eCall diventa obbligatorio

by • 5 aprile 2018 • TECNOLOGIA, In evidenzaCommenti disabilitati su Il salvavita eCall diventa obbligatorio337

Dal 31 marzo 2018 tutte le auto di nuova omologazione dovranno avere di serie il sistema eCall, cioè la chiamata automatica d’emergenza. Lo stabilisce la disposizione UE 2015/758 che era stata approvata tre anni fa e che ora diventa operativa, dopo aver dato il tempo alle Case automobilistiche di prepararsi. L’eCall diventa obbligatorio, come detto, sui modelli di nuova omologazione (cioè appena presentati dai costruttori), e non di nuova immatricolazione (cioè non su quelli targati per la prima volta).

Dal punto di vista tecnico il sistema è abbastanza semplice e ha un costo stimato, per il costruttore, di circa 100 euro. La eCall si attiva automaticamente quando i sensori dell’auto rilevano una decelerazione tale da essere causata da un incidente. In altre parole se si attivano i pretensionatori oppure gli airbag, parte la chiamata di emergenza. L’altro caso in cui la eCall si attiva è con l’intervento manuale del guidatore o di uno dei passeggeri dell’auto. Ma dopo che la chiamata parte, che cosa succede? La risposta è diversa a seconda di quale servizio sia installato nell’automobile. Sì, perché ci sono due tipi di servizio eCall, quello pubblico e quello fornito da terze parti (Tps).

La eCall pubblica, quella che tutte le auto omologate dal primo di aprile in poi dovranno avere, avviene attraverso una scheda Sim preinstallata nell’auto, che però rimane dormiente fino a quando non viene attivata automaticamente oppure manualmente. A quel punto dall’auto parte una chiamata al numero unico d’emergenza europeo, il 112, accompagnata dall’invio di una serie di dati che includono il numero di telaio della vettura e la cronologia delle ultime posizioni. La eCall “base”, dunque, fa a meno anche del Gps.

Tutt’altra cosa è la eCall fornita da terze parti, ovvero dalle stesse case automobilistiche. In questi casi il servizio di emergenza è inserito in un ecosistema più ampio che prevede una serie di servizi telematici e che in caso di incidente o richiesta d’aiuto inoltra la chiamata non al 112 ma a una centrale di emergenza privata.

Questa riceve l’esatta posizione Gps della vettura ma anche informazioni aggiuntive, come il numero delle persone rilevate a bordo, sulla base dei dispositivi di chiusura delle cinture di sicurezza scattati, e il senso di marcia dell’auto. La vettura stabilisce quindi una comunicazione vocale (nella lingua del proprietario e non del Paese in cui si trova) con la centrale d’emergenza e se a bordo non risponde nessuno, la centrale allerta immediatamente il più vicino servizio di pronto intervento.

Ma la vera differenza, che poi rappresenta anche il plus economico per la Casa costruttrice, è la possibilità di utilizzare i dati della vettura e del suo proprietario a scopi commerciali (previa autorizzazione). Opel e il suo servizio On Star, per esempio, mettono a disposizione una specie di congierce virtuale, a cui si può telefonare dall’auto per avere informazioni di ogni tipo e farsi anche prenotare un ristorante. Altri costruttori tedeschi, come BMW e Mercedes, offrono la eCall di serie su tutta la gamma già da diversi anni e dispongono di centrali di emergenza proprietarie.

Va da sé, che al di là dei lodevoli intenti della Commissione Europea, ridurre i tempi di azione dei soccorsi del 50% nelle zone rurali e del 40% in città, salvando 2.500 persone ogni anno, il fatto di avere un’auto tracciata e connessa con il mondo circostante, apre infinite possibilità di natura commerciale. I servizi di terze parti, infatti, sono già previsti a patto che la eCall sia sempre disponibile e che abbia priorità nell’utilizzo delle risorse. Largo alla sicurezza, dunque, ma anche a nuovi modelli di business tagliati su misura per ogni automobilista.

________________________________________________________________

PER ACCEDERE ALLE ULTIME NOTIZIE DAL VILLAGGIO

– ULTIME NOTIZIE

– RENDICONTI FINANZIARI MENSILI DELLA COMUNITÀ

– VERBALI DELLE RIUNIONI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

– VERBALI DELLE ASSEMBLEE DEI PARTECIPANTI

– ARCHIVIO NOTIZIE

________________________________________________________________

schermata-2016-10-01-alle-19-19-06
COSTA PARADISO NEWS SUPERA 450.000 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 132 STATI E 968 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 10 gennaio 2018)
_______________________________________________________________

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.