La pasta riscaldata fa ingrassare meno?

by • 10 dicembre 2016 • In evidenza, SALUTECommenti (0)529

Una dieta, anche se dimagrante, dovrebbe sempre essere bilanciata. Spesso, però, questa regola non viene rispettata. E’ questo il caso di molte diete alla moda che mettono al bando le fonti di carboidrati, pasta inclusa.

In effetti la pasta può essere pericolosa per la linea. Il suo “problema” è che una volta digerita fa aumentare il livello di glucosio nel sangue, fenomeno che a sua volta porta a un aumento dell’insulina necessaria per riportare il glucosio nella norma. Tutto ciò si traduce in picchi di concentrazione di glucosio nel sangue che possono far ricomparire la fame già poco dopo aver mangiato, un fenomeno che può portare a mangiare più di quanto necessario e, quindi, a ingrassare. Come evitarlo?

Gli esperti raccomandano di mangiare alimenti ricchi di fibre che riducono i picchi di glicemia, favorendo un aumento e una diminuzione più graduali dei livelli di zuccheri nel sangue. A quanto pare, però, c’è anche un’altra strategia possibile: prepararsi un bel piatto di pasta, lasciarla raffreddare e poi scaldarla nuovamente. Sembra infatti che la pasta riscaldata non faccia aumentare bruscamente la glicemia.

Dietro a questo fenomeno ci sarebbe il cosiddetto amido resistente, una forma di carboidrato che non viene efficientemente attaccato dagli enzimi digestivi. Secondo Denide Robertson, ricercatrice dell’University of Surrey, quando la pasta viene raffreddata si forma proprio l’amido resistente. Ciò significa che mangiando pasta fredda si riduce il picco di glucosio dopo in pasto, ma non solo. Anche le calorie assunte saranno ridotte. In altre parole, mangiare pasta fredda può aiutare a dimagrire.

Questa opzione, che potrebbe anche essere gradita di più in estate, non è però altrettanto appetibile in inverno. Ma cosa succede se la pasta viene riscaldata? A dare una risposta a questa domanda è una serie di esperimenti condotti da Chris van Tulleken, medico britannico noto al pubblico anche come conduttore di programmi televisivi, che ha valutato le variazioni della glicemia associate a pasti a base di pasta appena preparata, pasta fredda e pasta riscaldata. In questo modo è stato confermato che mangiare pasta fredda riduce il picco ematico di glucosio e di insulina dopo i pasti rispetto a quello rilevabile dopo aver mangiato pasta appena preparata. Ma c’è di più. Infatti la pasta riscaldata riduce ancora di più il picco di glucosio, arrivando letteralmente a dimezzarlo.

L’ipotesi è che raffreddare e riscaldare la pasta renda l’amido ancora più “resistente”. I benefici di questa forma di carboidrato devono però ancora essere accertati. A dimostrare l’utilità della sua introduzione nella dieta potrebbe essere la stessa Robertson, che ne valuterà l’effetto in uno studio finanziato da Diabetes UK. Non bisogna infatti dimenticare che i picchi di glucosio non sono solo pericolosi per la linea, ma aumentano anche il rischio di diabete.
________________________________________________________________
schermata-2016-10-01-alle-19-19-06
COSTA PARADISO NEWS RAGGIUNGE 300.000 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 126 STATI E 910 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 1 settembre 2016)
_______________________________________________________________

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito usa i cookie per migliorare l’informazione.
Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare

Informazioni sui cookie

Come disabilitare i cookie mediante configurazione del browser
______________________________________________________________

.

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *