deflazione

L’Italia resta in deflazione

by • 9 settembre 2016 • AttualitàCommenti (0)347

La deflazione deriva dalla debolezza della domanda di beni e servizi, cioè un freno nella spesa di consumatori e aziende, che, in regime di deflazione, sono incentivati a posporre gli acquisti di beni e servizi non indispensabili, con l’aspettativa di ulteriori cali dei prezzi, con l’effetto di innescare una spirale negativa. Le imprese, non riuscendo a vendere a determinati prezzi parte dei beni e servizi, cercano di collocarli a prezzi inferiori.

L’Italia non riesce a liberarsi dalla morsa della deflazione. Anche nel mese di agosto i prezzi al consumo sono diminuiti (stavolta dello 0,1%) e questo è bene per le tasche dei consumatori ma è male per l’economia in generale, perché i prezzi bassi sono dovuti a una domanda debole, e la spirale negativa tende ad avvitarsi. Secondo le stime preliminari dell’Istat, l’indice dei prezzi aumenta dello 0,2% su base mensile e diminuisce dello 0,1% su base annua, come era successo a luglio.

Ancora l’Istat segnala che la deflazione è dovuta in particolare al calo dei prezzi delle comunicazioni (-1,4%) e alla crescita zero dei trasporti.

Invece accelerano i prezzi degli alimentari non lavorati (+2,4% contro il +1,5% del mese precedente) e si attenua il calo tendenziale dei prezzi dei prodotti energetici non regolamentati (-7% contro -8% di luglio). Al netto degli alimentari non lavorati e dei beni energetici l’inflazione di fondo scende a +0,4% (da +0,6% di luglio). L’inflazione acquisita per il 2016 risulta pari a zero (era -0,1% a luglio).

________________________________________________________________

COSTA PARADISO NEWS RAGGIUNGE 300.000 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 126 STATI E 910 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 1 settembre 2016)
________________________________________________________________

Questo sito usa i cookie per migliorare l’informazione.
Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare

Informazioni sui cookie

Come disabilitare i cookie mediante configurazione del browser

Costa Paradiso News raggiunge il prestigioso traguardo di 200.000 visualizzazioni di pagina, in 98 Stati e 588 località Italiane (Google analytics 10 feb 2015).

Tre nuove rubriche sono state aggiunte al menu “AFFITTI, VENDITE, IL BARATTO” per i lettori che desiderano pubblicare gratuitamente i propri annunci.

Schermata 2014-12-12 alle 12.48.52
.
_______________________________________________________________
PER INSERIRE ANNUNCI GRATIS INVIARE FOTO E TESTO A
REDAZIONE@COSTAPARADISONEWS.IT
_______________________________________________________________
I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche “AFFITTI, VENDITE, IL BARATTO” sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia. Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.

______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________

.

Pin It

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>