Meridiana si trasforma in AirItaly

by • 1 marzo 2018 • ECONOMIA, In evidenzaCommenti disabilitati su Meridiana si trasforma in AirItaly351

Le storie e le immagini che il nome di Meridiana ha evocato per cinquant’anni oramai fanno parte di un capitolo che si chiude. La Costa Smeralda e la Gallura, il paradiso dorato del turismo, le facce più note del jet set internazionale in costume da bagno. Il futuro si chiama AirItaly e ha un orizzonte diverso. Molto più ampio. E non è un caso che l’espressione ripetuta quasi con ossessione da Akbar Al Baker sia “lungo raggio”. La Meridiana che rischiava il fallimento, che ha accumulato debiti per centinaia di milioni, che non ha saputo sfruttare i continui prestiti di denaro del suo fondatore (il principe Aga Khan) e che ha licenziato centinaia di dipendenti da oggi non esiste più. Diventa AirItaly e si regge sulle iniezioni di denaro fatte da Qatar Airways, che dopo una lunga trattativa ha rilevato il 49 per cento della compagnia aerea sarda, e punta a creare «più di 1.500 posti» di lavoro.

Akbar Al Baker, che è il ceo del gigante dei cieli con sede a Doha, ha grandi ambizioni: non svela quanti dollari ha investito per rilevare le quote della zoppicante Meridiana ma annuncia una specie di guerra dei cieli in Europa. Finora gli aerei del Qatar non avevano la possibilità di invadere gli aeroporti del vecchio continente ma dal prossimo mese si inizia con nuove rotte e nuovi servizi. «Entro il 2020 la nuova AirItaly avrà ben 50 aerei, annuncia Al Baker, Nell’aprile del 2018 avremo il primo Boeing 787 max 8 e nel giro di tre anni questi aerei saranno ben venti. Dalla prossima primavera saranno in servizio anche cinque Airbus 330».

Parcheggiati gli storici Md80, il grande hub di AirItaly sarà Malpensa, lo scalo dal quale Alitalia ha deciso di smobilitare. E la scelta non sembra per nulla casuale. Olbia resta quartier generale, ma la nuova società sembra quasi volersi scrollare di dosso l’immagine di compagnia legata così fortemente alla Sardegna. «Potenzieremo anche le rotte nazionali, precisa Marco Rigotti, presidente di Alisarda, la società che ora si fonde con la nuova holding creata con Qatar Airways. Da Roma, Napoli, Palermo, Catania e Lamezia Terme avvieremo nuovi collegamenti, interconnessi con Malpensa e con la possibilità quindi di fare voli intercontinentali. L’obiettivo è di creare 50 destinazioni nazionali. Oltre a New York e Miami, da settembre si volerà anche per Bangkok».

I nuovi annunci comunque ancora non bastano per rimarginare le ferite che l’ormai defunta Meridiana ha subito negli ultimi due anni. Quella che ancora sanguina riguarda i licenziamenti ma col nuovo piano ideato dal Qatar si riparla di potenziamento dell’organico. «Avremo bisogno di molto più personale per gestire i servizi di eccellenza che ci saranno nei nostri aerei, dice sorridente Al Baker, Non solo ci saranno assunzioni, ma devolveremo ai dipendenti il 20 per cento dei nostri utili. Appena cominceremo ad accumularli».

Nello storico aeroporto Costa Smeralda di Olbia, anche questo creato dal principe Aga Khan, rimarranno solo gli aerei che voleranno per Roma e Milano, quelli che svolgono il servizio di continuità territoriale finanziata dalla Regione. Il progetto è chiaro: «Con il nuovo vettore e con la nuova livrea, prevediamo di trasportare 10 milioni di passeggeri entro il 2022, dice il presidente di Meridiana, Francesco Violante, di questi, otto milioni in partenza da Malpensa». Insomma, la storia cambia.

________________________________________________________________
schermata-2016-10-01-alle-19-19-06
COSTA PARADISO NEWS SUPERA 450.000 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 132 STATI E 968 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 10 gennaio 2018)
_______________________________________________________________

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.