Prescrizione Imu, Tasi e Tari

by • 9 agosto 2018 • ECONOMIA, In evidenzaCommenti disabilitati su Prescrizione Imu, Tasi e Tari149

Con la sentenza n. 28576, la Cassazione ha spiegato dopo quanti anni non si pagano più le tasse sulla casa, ricordando come funziona il meccanismo dei solleciti di pagamento quando ci si dimentica di pagare l’Imu, la Tasi e la Tari. Vediamo quanto precisato.

Di norma, prima della notifica della cartella esattoriale, l’ente titolare del credito invia al contribuente un sollecito di pagamento. Ma la Cassazione ha sottolineato che laddove è certo l’ammontare dell’imposta perché deriva dall’autodichiarazione presentata dal contribuente ed è in discussione solo il versamento della stessa, è legittimo l’invio diretto della cartella esattoriale senza bisogno di preventivi solleciti. Al contrario, l’avviso di accertamento è necessario quando bisogna contestare la quantificazione del tributo effettuata dal contribuente. Solo in caso di mancato adempimento a quest’ultimo l’amministrazione forma il cosiddetto ruolo e incarica l’esattore dell’avvio delle azioni esecutive. In merito nello specifico alla Tari, la Suprema Corte ha chiarito che si può procedere alla riscossione mediante notifica diretta della cartella di pagamento.

Ma quali sono i tempi di prescrizione delle imposte sulla casa? Le imposte collegate alla casa (Imu, Tasi, Tari) si prescrivono tutte in cinque anni. Se la cartella di pagamento dovesse arrivare dopo tale termine, il proprietario non deve pagare nulla. Se per cinque anni di seguito il contribuente non riceve alcuna intimazione di pagamento, la cartella cade in prescrizione e non è più dovuto nulla. Nel caso in cui, invece, dovesse ricevere un sollecito prima di questo termine, esso interrompe la prescrizione che torna a decorrere da capo.

Qualora il contribuente dovesse fare opposizione alla cartella di pagamento o all’intimazione di pagamento del Comune e dovesse perdere la causa, il termine di prescrizione sarebbe di 10 anni. Questo perché varrebbe la prescrizione per le sentenze e non per le cartelle esattoriali, che è sempre decennale.

________________________________________________________________

schermata-2016-10-01-alle-19-19-06
COSTA PARADISO NEWS SUPERA 450.000 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 132 STATI E 968 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 10 gennaio 2018)
_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.