Quanto tempo ci vuole per formare un governo ?

by • 15 marzo 2018 • In evidenza, SOCIALECommenti disabilitati su Quanto tempo ci vuole per formare un governo ?360

Nessuno sa oggi quanto tempo ci vorrà per formare un governo dopo i risultati elettorali del 4 marzo. Ci sono tempi tecnici per dare avvio ai lavori del Parlamento che non possono essere evitati. Una volta che le Camere saranno davvero in funzione non è detto però che ci siano già una maggioranza e un governo pronto per giurare e ricevere il voto di fiducia.

Le leggi elettorali maggioritarie che hanno preceduto quella attuale hanno abituato l’Italia e gli italiani negli ultimi 25 anni ad avere governi in carica poco tempo dopo il voto. Subito dopo lo spoglio dei voti, infatti, era chiaro, in modo più o meno preciso, quale coalizione avrebbe governato. L’unica eccezione è stata rappresentata dall’ultima legislatura, quella cominciata nel 2013.

Nel 2008 Silvio Berlusconi fu il più veloce di sempre a entrare in carica dopo le elezioni arrivando a presentare al presidente Napolitano la propria squadra l’8 maggio, ossia appena 24 giorni dopo il voto del 13 e 14 aprile. Forte della maggioranza netta ottenuta dal centrodestra, il capo di quello che allora era il Popolo delle libertà si presentò dal presidente Giorgio Napolitano il 7 maggio per ricevere l’incarico di formare il governo con la lista dei ministri già in tasca, che presentò direttamente al Quirinale. Un gesto inusuale.

Otto anni prima Romano Prodi aveva impiegato appena due giorni in più: nonostante la necessità di un’alleanza con Rifondazione Comunista (che diede l’appoggio esterno) nel 1996 quella di centrosinistra era l’unica maggioranza possibile. Anche Prodi, in effetti, si era presentato dal presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro il 16 maggio avendo già in mente la composizione del governo. Però aveva voluto rispettare la regola non scritta di ricevere prima l’incarico e poi tornare al Quirinale, il giorno stesso, per presentare la squadra del governo.

Altri due anni prima, nel 1994, all’epoca del suo primo governo, Silvio Berlusconi aveva impiegato quasi due settimane dal momento in cui aveva ricevuto l’incarico da Scalfaro, il 28 aprile, al giorno in cui presentò la lista dei ministri, il 10 maggio. Anche se la maggioranza del centrodestra era chiara, in mezzo tra incarico e giuramento ci furono dibattiti e prese di posizione, anche in Europa, sull’idea che nel governo entrassero per la prima volta esponenti che provenivano dal Movimento Sociale e dalla destra fascista. In ogni caso, Berlusconi ce la fece in meno di un mese e mezzo dalle elezioni. Nella cosiddetta Seconda Repubblica era stato il governo più lento a entrare in carica dopo il voto, fino al 2013.

Cinque anni fa, dopo un risultato elettorale che non dava al centrosinistra la maggioranza anche al Senato, ci sono voluti due mesi e tre giorni per passare dallo spoglio dei voti al giuramento dell’esecutivo guidato da Enrico Letta. Per la prima volta nelle elezioni con un sistema maggioritario il capo della coalizione più votata, Pierluigi Bersani, ha dovuto rinunciare all’incarico di formare il governo. E in mezzo il Parlamento aveva dovuto procedere anche alla elezione del Presidente della Repubblica, confermando Giorgio Napolitano dopo tre giorni e sei votazioni,

63 giorni sono stati un tempo lungo, ma non lunghissimo. La Germania, come si sa, sta ancora aspettando il giuramento del quarto Governo di Angela Merkel cinque mesi e mezzo dopo le elezioni del 24 settembre dello scorso anno.

________________________________________________________________

PER ACCEDERE ALLE ULTIME NOTIZIE DAL VILLAGGIO

– ULTIME NOTIZIE

– RENDICONTI FINANZIARI MENSILI DELLA COMUNITÀ

– VERBALI DELLE RIUNIONI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

– VERBALI DELLE ASSEMBLEE DEI PARTECIPANTI

– ARCHIVIO NOTIZIE

________________________________________________________________

schermata-2016-10-01-alle-19-19-06
COSTA PARADISO NEWS SUPERA 450.000 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 132 STATI E 968 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 10 gennaio 2018)
_______________________________________________________________

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.