San Pantaleo, “Festa dell’Estate 2018”

by • 2 giugno 2018 • EVENTI IN SARDEGNA, In evidenzaCommenti (0)1555

A diciotto chilometri da Olbia c’è un altro mondo, si chiama San Pantaleo.

Il 9 giugno 2018, nella Piazza di San Pantaleo a partire dalle 19.00 si festeggia l’arrivo dell’estate con un goloso barbecue annaffiato dalla birra artigianale del birrificio 4MORI di Guspini e accompagnato dalla musica del celebre gruppo Jolly Roger.

Passato il bivio per la Costa Smeralda si sale lungo le colline di Milmegghju, e, incassato fra i picchi di granito, all’improvviso appare il paese.
Fanno da sfondo al panorama da Far West le punte di Sant’Andrea, Pelchia Manna e Pelchia Minori.
Gli stazzi popolano quest’area ricca di acqua e boschi, sulla direttrice della vecchia strada romana fra Olbia e Tibula.
Le sorgenti rappresentano una delle attrattive del villaggio: anticamente la zona era detta “Le fonti di Beddoro”, e costituiva un’oasi di benessere e vita salubre in un punto poco battuto e quasi deserto.

San Pantaleo è situato su un poggio rialzato, dominando su un versante la strada per “Monti di Mola” (l’attuale Costa Smeralda), per l’altro la strada Arzachena, Baja Sardinia.

Malgrado ne sia geograficamente staccata, la storia di San Pantaleo è sempre collegata a quella delle spiagge smeraldine di Portisco, Rena Bianca, Razza di juncu.

Il paese nasce grazie all’iniziativa degli abitanti degli stazzi nei dintorni: nel 1894 chiesero al vescovo di Tempio la creazione di un punto di riferimento religioso e sociale: la chiesa fu eretta nel 1903, dove si trova ancora oggi. A pochi metri sopravvivono anche i resti dell’antico cimitero, ora abbandonato.

A partire dagli anni Settanta un gruppo di artisti e pittori ha popolato il villaggio, attratto dalla sua atmosfera fuori dal tempo e assolutamente informale, lontana dalla mondanità della Costa.
Pittori, decoratori e scultori arrivati da tutta Europa hanno fatto nascere a San Pantaleo una sorta di bohème. Accanto agli stranieri è attivo anche un gruppo di artigiani galluresi, ricercatissimi per i loro manufatti, realizzati in materiali essenziali: legno, ferro battuto, terracotta e ceramica.
I pezzi unici di questi artigiani locali sono andati ad arredare le ville dei dintorni, ma sono anche un acquisto ambito dai turisti che arrivano d’estate.
I nomi, ormai noti sulla penisola e anche all’estero, sono quelli dei fratelli Solinas per gli oggetti di ferro battuto, esposti nella “Bottega del Ferro” di Via Molise (tel. 0789 65414 cell. 333 9623588). L’altro indirizzo da tenere in considerazione è quello di Tonino Dettori, diventato celebre grazie alle sue cassapanche, tavoli, ma anche semplici comodini, impreziositi dall’arte dell’intaglio. (tel.0789- 65379). Il materiale usato in quest’azienda è il gres: argilla molto resistente, cotta a temperature altissime, che si presta alla creazione di piccoli oggetti come vasi o contenitori, che viene poi decorata e dipinta.
L’altra ricchezza di San Pantaleo, insieme alla natura lussureggiante e ai suoi abitanti, si trova certamente nei ristoranti, agriturismo e b&b.

Questo punto della Gallura trabocca di offerte che permettono di conoscere meglio la gastronomia locale: soprattutto la strada che degrada verso Arzachena e Baia Sardinia offre un susseguirsi di occasioni per il visitatore che desideri soffermarsi anche solo per una notte.

Il soggiorno nel villaggio è gradevole tutto l’anno.
Le feste campestri sono dedicate ai santi protettori di questa zona: accanto a Pantaleo, ecco le celebrazioni dedicate a San Salvatore nel vicino abitato di Monti Canaglia, San Martino che si celebra sul monte di Cugnana, San Michele e infine Santa Chiara. Spesso, in questi appuntamenti, è invalsa la consuetudine di offrire il pasto a chi partecipa al rito religioso.

Tutti questi motivi possono dunque spiegare perché il villaggio sia stato, negli ultimi anni, al centro di un inatteso quanto significativo boom edilizio e immobiliare: la qualità della vita, le tradizioni, la posizione strategica aiutano a capire il successo della destinazione, ma da soli non possono spiegare tutta la fortuna del paesino.

DA MAGGIO AD OTTOBRE OGNI GIOVEDI’ MATTINA MERCATINO DEGLI ARTISTI

________________________________________________________________

schermata-2016-10-01-alle-19-19-06
COSTA PARADISO NEWS SUPERA 450.000 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 132 STATI E 968 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 10 gennaio 2018)
_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *