2020, il Fisco parte dai controlli sui conti correnti

by • 1 gennaio 2020 • ECONOMIA, In evidenza, SOCIALECommenti disabilitati su 2020, il Fisco parte dai controlli sui conti correnti409

Dal 2020 la lotta all’evasione fiscale sarà a tutto campo. Il fisco metterà il naso anche nei nostri conti correnti bancari e postali, senza risparmiare le movimentazioni delle carte di credito e di debito. Una sorte di grande fratello finanziario che terrà conto di ogni movimentazione e dei saldi in relazione alle dichiarazioni dei redditi.

Tutto sarà affidato a potentissimi software che stileranno periodicamente liste di contribuenti sospetti che poi saranno affidate ai controlli dei funzionari dell’Agenzia delle Entrate e della Guardia di Finanza che effettueranno ulteriori controlli mirati e personalizzati sul soggetto o sull’impresa. Nel mirino, in un primo momento, ci saranno soprattutto imprenditori e titolari di partita iva, ma anche i contribuenti comuni potranno essere assoggettati alle stesse verifiche. Per i primi, i controlli dell’Agenzia delle Entrate si spingeranno verso qualsiasi operazione (bonifici, versamenti, prelievi) di importo superiore a 5.000 euro al mese o 1.000 euro al giorno. Per i singoli contribuenti, invece, i controlli riguarderanno solo i versamenti e i bonifici, mentre i prelievi restano liberi.

I controlli sui conti correnti
Detto questo, è bene prestare la massima attenzione alle operazioni che si faranno. Per l’Agenzia delle Entrate i bonifici e i versamenti sul conto costituiscono sempre presunzione di evasione fiscale se non vi è rispondenza con la dichiarazione dei redditi presentata o la provenienza del denaro non è chiara e documentata. Effettuare un versamento in contanti, quindi, è rischioso se non si riuscirà a dimostrare da dove arrivano i soldi. Pertanto è sempre bene conservare una pezza giustificativa qualora il fisco chieda chiarimenti, pena il pagamento di sanzioni e imposte. In questo modo pare che il fisco voglia terrorizzare il contribuente, ma i controlli – è bene precisare – saranno mirati.

Come avvengono i controlli
Benchè la legge stabilisca che in caso di controlli da parte del fisco sui conti in banca il titolare debba essere informato, la Cassazione ha precisato che non va necessariamente espletato il cosiddetto «contraddittorio preventivo» ossia quella fase preliminare, anteriore all’emissione dell’accertamento, in cui si instaura un confronto tra il funzionario del fisco e il titolare del conto corrente.

Pertanto non è detto che il contribuente venga informato in questa prima fase di indagine fino a quando non verrà emesso l’avviso di accertamento. L’Agenzia delle Entrate può quindi procedere in completa autonomia, ma è sempre riservato il diritto alla difesa da parte del contribuente.

Cosa controlla il fisco in banca
Il Fisco, attraverso l’anagrafe dei conto correnti che raccoglie milioni di informazioni e dati contabili, ha oggi accesso diretto a tutti i rapporti finanziari e alle movimentazioni operate sui conti correnti, in entrata e in uscita: riesce così a conoscere nel dettaglio, sia in tempo reale che a distanza di tempo, ogni movimentazione di denaro e, se non troverà rispondenza con la dichiarazione dei redditi, scatteranno gli accertamenti. Paradossalmente, chi movimenta soldi ma non percepisce redditi, sarà chiamato a dimostrarne la provenienza. Nel mirino dei controlli che saranno effettuati il prossimo anno finiranno inizialmente quelle categorie con regime tributario meno dettagliato ed analitico e che perciò richiedono un maggior lavoro di approfondimento: dunque i forfettari in regime di flat tax e coloro che, sottoposti agli Isa (gli indici sintetici di affidabilità fiscale che hanno sostituito i vecchi studi di settore) fanno emergere scostamenti di rilievo.

Come difendersi dai controlli
Esistono comunque dei termini ben definiti per contestare eventuali somme di denaro movimentate sul conto corrente. La decadenza è di cinque anni che si contano a partire dall’anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione dei redditi. Se però la dichiarazione non è mai stata eseguita, il termine diventa di sette anni. Se la contestazione avviene all’interno di questo arco temporale, il contribuente cosa può fare per difendersi? In sostanza bisogna provare che il denaro proviene da fonte non imponibile, cioè esentasse (vendita di beni usati, donazione, prestito, ecc.) oppure che sia già stato tassato alla fonte (vincita alla lotteria).

________________________________________________________________

schermata-2016-10-01-alle-19-19-06
COSTA PARADISO NEWS SUPERA 509.000 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 138 STATI E 1026 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 31 maggio 2019)
_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Costa Paradiso News non è un prodotto editoriale, viene aggiornato in base al materiale ricevuto dai lettori o da pubblicazioni viste sul web.

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.