66 milioni di anni fa

by • 20 settembre 2019 • In evidenzaCommenti disabilitati su 66 milioni di anni fa97

Incendi devastanti, terribili tsunami e l’atmosfera soffocata da nubi di zolfo che bloccarono i raggi solari, generando un raffreddamento globale: è questo lo scenario che spazzò via i dinosauri, confermato dall’analisi delle rocce nel cratere generato dell’impatto dell’asteroide caduto 66 milioni di anni fa.

Il risultato, pubblicato sulla rivista dell’Accademia Americana delle Scienze (Pnas), si deve alla ricerca coordinata da Sean Gulick, dell’università del Texas ad Austin, basata sui dati della campagna di perforazione del cratere di Chicxulub, sepolto fra il mare e la terraferma sotto la penisola dello Yucatan.

Lo scenario è stato infatti ricostruito analizzando la carota di materiali prelevata dal cratere nella quale è custodita la ‘cronaca’ di ciò che è accaduto entro le prime 24 ore dall’evento che ha condannato a morte il 75% della vita del pianeta. I dati indicano che i dinosauri siano stati “prima fritti e poi congelati”.
Molti dinosauri sono morti quel giorno, ma altri sono scomparsi in seguito agli effetti dell’evento, rileva Gulick, che è anche fra i coordinatori della perforazione condotta nel 2016, coordinata dal consorzio internazionale Chicxulub Scientific Drilling Project (Csdp).

L’impatto dell’asteroide ha avuto una potenza equivalente a 10 miliardi di bombe atomiche come quelle usate su Hiroshima e Nagasaki: l’esplosione ha fuso la roccia del sito che è stata scagliata in alto e poi è ricaduta, depositando in un solo giorno uno strato di materiali spesso 130 metri.

L’esplosione, inoltre, ha scagliato rocce e alberi a chilometri e chilometri di distanza nell’oceano, provocando un enorme tsunami che ha raggiunto l’entroterra dell’Illinois. Tuttavia, uno dei più importanti aspetti della ricerca è aver scoperto che l’impatto vaporizzò i minerali del sito contenenti zolfo, liberando in atmosfera almeno 325 miliardi di tonnellate di zolfo che provocarono il caos climatico.
Le nubi di zolfo infatti bloccarono la luce del sole, causando un raffreddamento globale che causò l’estinzione di massa sul pianeta.

________________________________________________________________

schermata-2016-10-01-alle-19-19-06
COSTA PARADISO NEWS SUPERA 509.000 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 138 STATI E 1026 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 31 maggio 2019)
_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Costa Paradiso News non è un prodotto editoriale, viene aggiornato in base al materiale ricevuto dai lettori o da pubblicazioni viste sul web.

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.