Danimarca, cittadinanza se stringi la mano al sindaco

by • 8 febbraio 2019 • ESTERI, In evidenzaCommenti disabilitati su Danimarca, cittadinanza se stringi la mano al sindaco66

Niente certificato di cittadinanza se non stringi la mano al sindaco o al funzionario che te lo consegna. Una nuova legge entrata in vigore il primo gennaio in Danimarca sta provocando un’ondata di polemiche, ma continua a essere applicata con rigore, privando della cittadinanza decine di richiedenti che per motivi religiosi rifiutano di toccare persone dell’altro sesso. Si tratta soprattutto di musulmani, ma anche nell’ortodossia ebraica il contatto fisico tra maschi e femmine prevede stringenti limitazioni. La nuova norma è stata approvata pensando però più agli islamici: la stretta di mano dovrebbe provare che hanno deciso di integrarsi nel loro nuovo paese e non di importarvi i loro bizzarri costumi.

Martin Henriksen, esponente di punta del Danks Folkeparti, il partito contrario all’immigrazione che ha raccolto nel 2015 il 21% dei consensi, ha spiegato che «stringere la mano è un gesto comune in Danimarca: compierlo è un segno visibile che il paese del quale vuoi diventare cittadino ti sta nel cuore».

La ministra dell’Integrazione, Inger Stojberg, famosa per avere festeggiato su Instagram nel 2017 con una torta l’approvazione di leggi più restrittive sulle frontiere, ha detto che «si tratta chiaramente di un simbolo. In questo paese – ha aggiunto – abbiamo l’eguaglianza, l’abbiamo da diverse generazioni e abbiamo lottato per averla. E’ nostro dovere proteggerla e rispettarla».

Non tutti sono d’accordo e molti sindaci rifiutano di applicare la norma alla lettera. Mogens Jespersen, primo cittadino di Mariagerfjord, si accontenta ad esempio di un cenno del capo, senza forzare alla stretta di mano persone di diversa cultura. L’esempio danese sta però già facendo proseliti in Svizzera e in Francia. A Losanna il sindaco Grégoire Junod, socialista, si è rifiutato di convalidare la cittadinanza a una donna che ha rifiutato di stringergli la mano.

La Danimarca ha approvato la scorsa estate una legge che vieta il velo e il burka in pubblico, e anche prima della stretta di mano le sue norme sulla cittadinanza erano molto restrittive. Può chiederla solo chi è residente da almeno 9 anni, è autonomo finanziariamente, dimostra di conoscere la lingua, la storia e la politica danese e non ha precedenti penali. Agli immigrati possono essere sequestrati i beni che hanno portato con sé, per contribuire alle spese del loro sostentamento. Chi poi delinque viene confinato in un’isola fuori mano, in attesa dell’estradizione.

Le proteste che si levano da alcuni comuni non scalfiscono la determinazione del governo, sostenuto da partiti sensibili alle spinte sovraniste e populiste che potrebbero far loro perdere consensi. Una convenzione sociale come la stretta di mano, giudicata da molti del tutto irrilevante, è stata così elevata a valore nazionale da difendere ad ogni costo.

________________________________________________________________

schermata-2016-10-01-alle-19-19-06
COSTA PARADISO NEWS SUPERA 450.000 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 132 STATI E 968 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 10 gennaio 2018)
_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.