Di chi è la Marmolada?

by • 4 ottobre 2018 • In evidenzaCommenti disabilitati su Di chi è la Marmolada?365

Il 24 settembre il Consiglio regionale del Veneto si è riunito a Punta Serauta, a quasi tremila metri, sulla Marmolada, per protestare contro l’assegnazione della montagna al Trentino-Alto Adige, dopo una revisione dei confini fatta a luglio. La Marmolada è un gruppo montuoso delle Alpi, il più alto delle Dolomiti. Il consiglio regionale ha approvato con 32 voti favorevoli una mozione che invita la giunta del Veneto a «intraprendere qualsiasi iniziativa utile» per contestare l’assegnazione della Marmolada al Trentino-Alto Adige. I consiglieri del Movimento 5 Stelle hanno votato contro; quelli del Partito Democratico non hanno nemmeno partecipato perché «è una trovata propagandistica senza senso», ha detto il capogruppo Stefano Fracasso. Dopo il Consiglio regionale alcuni consiglieri hanno preso la funivia e portato una bandiera del Veneto in cima alla Marmolada.

Luca Zaia, presidente leghista del Veneto, ha detto: «Tutto cominciò nel 1973 quando quelli di Canazei [un comune della provincia di Trento] dissero che i confini del 1778 non andavano più bene, cancellando un accordo non certo da poco tra la Repubblica Veneta e l’Arcivescovado di Bressanone». Tralasciando un accordo del Diciottesimo secolo, la più importante evoluzione della questione arrivò nel 1982, quando un decreto del presidente della Repubblica Sandro Pertini assegnò la Marmolada al Veneto. La decisione, confermata nel 1998 dal Consiglio di Stato, fu superata nel 2002 con un protocollo d’intesa tra il Veneto (del presidente Giancarlo Galan) e la provincia di Trento, allora governata da Lorenzo Dellai.

All’inizio del 2018 il comune di Canazei, in Trentino Alto-Adige, aveva chiesto una revisione dei confini. A luglio di quest’anno l’Agenzia del Territorio (che da qualche anno è stata incorporata dall’Agenzia delle Entrate) ha fatto passare l’intero ghiacciaio del gruppo montuoso della Marmolada dal Veneto al Trentino-Alto Adige (per la precisione, dal comune bellunese di Rocca Pietore a quelli trentini di Canazei e Vigo di Fassa). I nuovi confini coincidono con l’ex confine di Stato tra l’Impero Austro Ungarico e il Regno d’Italia. Rocca Pietore, in Veneto, ha mantenuto solamente il perimetro della stazione di arrivo della funivia in Punta Rocca, a quota 3.265 metri.

Ugo Rossi – presidente della provincia di Trento eletto con il centrosinistra, ma presidente del Partito Autonomista Trentino Tirolese – ha detto: «Da che mondo è mondo i confini passano sempre sulle creste della montagna, se poi Dellai e Galan avevano fatto un accordo contro natura io non sono della stessa opinione». Zaia ritiene invece che la Marmolada spetti al Veneto per ragioni storiche, e che i trentini vogliano la montagna solo per motivi economici: «Della Marmolada non è fregato a nessuno finché non sono arrivati gli impianti e le piste». Andrea Selva ha scritto su Repubblica che tutta la disputa riguarda «una striscia di terreno a oltre 3 mila metri di quota, dove ci sono solo rocce e ghiaccio».

Parlando della Marmolada, Zaia ha detto «la difenderemo con le nostre unghie» ma anche che il Veneto non vuole fare «muro contro muro»; e ha fatto notare che l’Agenzia del Territorio ha preso una decisione mentre «è ancora pendente al TAR [il Tribunale Amministrativo Regionale] il nostro ricorso contro la decisione presa da Canazei nel gennaio 2017 di disconoscere il Protocollo del 2002».

Intanto si è espresso sulla questione anche Maurizio Fugatti, esponente della Lega Nord che è considerato il favorito per le elezioni della provincia autonoma di Trento, che si terranno a ottobre. Ha detto, senza chiarire granché la sua eventuale posizione: «Certo, se io dovessi diventare presidente della provincia, mi siederei immediatamente a un tavolo con la presidenza del Veneto e sono sicuro che un accordo lo troverei, senza rinunciare agli interessi del Trentino».

________________________________________________________________

schermata-2016-10-01-alle-19-19-06
COSTA PARADISO NEWS SUPERA 450.000 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 132 STATI E 968 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 10 gennaio 2018)
_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.