I benefit dei medici di base

by • 1 agosto 2019 • In evidenza, SOCIALECommenti disabilitati su I benefit dei medici di base165

È una di quelle polemiche che non muoiono mai. Nelle sale d’attesa degli ambulatori, sullo stipendio dei medici di base, rimbalza sempre la stessa domanda: “Ma quanto guadagnano per lavorare così poco?”.

L’articolo 36 (“Requisiti e apertura degli studi medici”) dell’accordo collettivo nazionale per la disciplina dei rapporti con i dottori di medicina generale fissa gli orari minimi di apertura degli studi professionali. Eccoli: 5 ore settimanali fino a 500 assistiti; 10 ore settimanali da 500 a 1000 assistiti; 15 ore settimanali da 1000 a 1500 assistiti.

Bene, ciò significa, per esempio, che un medico di base “massimalista” (così viene definito chi ha in cura il numero massimo di pazienti, fissato appunto a 1500) può aprire il proprio studio per solo tre ore al giorno, per cinque giorni alla settimana, ed essere perfettamente in regola. Chi, invece, ne ha fino a 500, può tenere aperto appena un’ora al giorno durante la settimana. Il “può” non significa che poi lo faccia, ma volendo è un suo diritto.

Sul monte ore effettivo di lavoro, Silvestro Scotti, segretario nazionale della Federazione italiana medici di medicina generale, (r)assicura: “Poche ore? Macché, è un equivoco. Se andassimo a vedere la prima e l’ultima prestazione ci renderemmo conto che le ore lavorate sono molte di più rispetto all’orario minimo. In media un massimalista fa dalle 40 alle 50 visite al giorno: se i pazienti sono già dentro lo studio, è dovere del medico visitarli tutti, mica può cacciarli via”.

Ma facciamo un passo indietro e veniamo alla variabile-nocciolo della questione, ovvero a quanto (e come) guadagna un medico di base. Il dottore riceve una quota per ogni assistito che lo sceglie come proprio curante, cifre che è più alta per i bambini e per gli anziani. Oltre a questa quota “capitaria” fissa, riceve conguagli contrattuali e si prende anche ulteriori finanziamenti “mobili”: per esempio, se si organizza in forme associate con altri colleghi, se assume personale di segreterie o infermieristico, se offre prestazioni in surplus (e dunque, pagate a parte) e se, infine, sostiene spese di informatizzazione (rimborsate secondo gli accordi regionali).

Una parentesi (sulla quota capitaria fissa): ogni paziente equivale a tot euro – dai 35 ai 70 euro circa – a seconda di quanti assistiti siano in dote al dottore, in modo inversamente proporzionale. In soldoni, più pazienti ha il dottore, meno vale ogni singolo paziente (35 euro circa), mentre meno pazienti ha, più vale ogni singolo assistito. Per esempio: sotto i 500, ognuno corrisponde a 70 euro. Scotti ci spiega: “Sì, un paziente vale tra i 3 e i 4 euro lordi al mese, che è comunque una quota insufficiente rispetto ai carichi di lavoro”. Il segretario Fimmg considera reale e concreto il fatto che alcuni ambulatori siano organizzati male e pone l’accento sul problema della percezione dell’assistito: “Gli under 45 quando vanno in studio lo trovano, spesso e volentieri, preso d’assalto da anziani, che presenziano in sala d’attesa anche più volte in settimana”.

La busta paga
Siamo riusciti a ottenere la busta paga di un medico di base “massimalista”: diamoci un’occhiata. Il lordo mensile ammonta a 7.895, che tolte le ritenute (2.250) dà un emolumento pari a 5.643 euro e spicci. Ecco, è un netto un po’ lordo, visto che da questa somma sono (eventualmente) da togliere le spese per la gestione dello studio, quelle per il medico sostituto quando si va in ferie o si è in malattia (pari a 150 euro al giorno), oltre ai possibili conguagli Irpef e Irap. Bene, da quei 5.643 euro il vero netto si abbassa ulteriormente, a seconda delle suddette variabili (GUARDA LA BUSTA PAGA).

Peraltro, la busta paga dei medici di famiglia è ferma al gennaio 2010, non essendo stata più rivalutata e adeguata alla variazione (in aumento) del costo della vita. Ciò nonostante, ecco che si arriva, comunque, a buste paga giustamente gonfie per l’effettiva delicatezza e importanza del lavoro del medico, ma ingiustamente sproporzionate se le ore effettive di lavoro corrispondono ai minimi previsti. Poi, ovviamente, non tutti (anzi) si attengono all’orario minimo, ma la stortura del sistema (che si basa sui soldi pubblici) è evidente.

Firmato il nuovo contratto dei medici. Dopo 10 anni
Mercoledì 24 luglio 2019 è stato firmato all’Aran, Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni, il nuovo contratto dei medici.

Era atteso da dieci anni e riguarderà 130mila camici bianchi. Andrea Filippi, segretario FP Cgil medici, ha così commentato “L’ipotesi di rinnovo, relativa al triennio 2016-18, prevede un aumento medio pro capite di 200 euro al mese”. L’ipotesi di contratto è stata firmata dal 78% dei sindacati medici, esclusa la federazione Cimo-Anpo-Fesmed con il restante 22 per cento.

Ha poi sottolineato Filippi “Abbiamo raggiunto, dopo anni, risultati economici e normativi che segnano un solco con anni di assenza contrattuale”. Il segretario ha inoltre spiegato in cosa consisterà il nuovo contratto “Premiate le carriere gestionali e professionali e valorizzato finalmente il lavoro dei giovani neo assunti che prenderanno una retribuzione di posizione minima di 1,500 euro euro annue da subito: un fatto storico mai accaduto prima. Così come lo è l’aver previsto la certezza di ottenere un incarico dopo cinque anni di servizio, con una retribuzione che sale di duemila euro l’anno”. Tutti coloro che avranno quindi maturato cinque anni di anzianità, passeranno così da uno stipendio di 3,500 euro a una retribuzione minima di 5,500 euro.

Un passo importante è stato fatto anche per arginare il problema e il disagio dei medici che vivono quotidianamente gravi carenze di personale. Le indennità di guardia verranno aumentate da 50 a 100. Nei pronto soccorso saliranno a 120. Altra novità importante riguarda i camici bianchi con più di 62 anni che potranno chiedere di essere esonerati dai turni di guardia. Verrà inoltre istituito un organismo paritetico volto a focalizzare l’attenzione su benessere, la salute e la sicurezza dei lavoratori. Come per esempio le numerose aggressioni subite negli ultimi tempi dai medici da parte di pazienti e parenti di questi.

________________________________________________________________

schermata-2016-10-01-alle-19-19-06
COSTA PARADISO NEWS SUPERA 509.000 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 138 STATI E 1026 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 31 maggio 2019)
_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.