Il cambio dell’ora da legale a solare

by • 25 ottobre 2019 • In evidenza, SOCIALECommenti disabilitati su Il cambio dell’ora da legale a solare116

Domenica 27 ottobre 2019 le lancette dovranno essere spostate un’ora indietro ed esattamente alle 3 del mattino in modo tale da non creare alcun disagio. Dal 2021, però, tale cambio verrà eliminato per cui si dovrà decidere se restare con l’ora solare o la legale tutto l’anno. Intanto anche con l’ora legale si risparmia sempre di meno.

Cambio ora 2019: ecco cosa c’è da sapere
Le lancette dei nostri orologi dovranno essere spostate un’ora indietro il prossimo 27 ottobre, precisamente tra due fine settimana. La principale conseguenza è che si avranno giornate all’apparenza più corte in quanto farà buio prima. Come ogni cambio orario, poi, molti italiani dovranno fare i conti con problemi di insonnia e sbalzi di umore che dureranno però poco. Proprio per questo, secondo i sondaggi, la maggior parte di essi preferirebbe non dover cambiare l’ora due volte all’anno. Tale pratica, però, come si sa, è destinata ad essere superata. Questo in seguito alla decisione del Parlamento Europeo di abolire il cambio tra ora legale e solare. Il nuovo regime entrerà in vigore nel 2021 e dovranno essere gli Stati Membri (in accordo tra loro, almeno quelli vicini) a decidere se restare con l’ora solare oppure optare per quella legale. Il nostro Parlamento ancora non si è espresso su questa questione.

L’ora legale non fa risparmiare più come prima
L’Unione Europea sta pensando di abolire il cambio di ora cancellando la solare a favore della legale per tutto l’anno. Non è detto che ciò sia davvero un vantaggio in quanto i mesi in cui si risparmia davvero sono quelli delle mezze stagioni. L’ora legale, ad esempio, nei paesi del Nord Europa è utilissima in estate ma una vera disgrazia durante l’inverno. In ogni caso, grazie all’ora legale, è possibile risparmiare illuminazione sopratutto nel periodo estivo. Essa, però, è sempre più ai margini per i consumi elettrici in quanto ad oggi gli impieghi maggiori sono slegati dalle ore di luce.

Basti pensare agli impianti di climatizzazione, ai frigoriferi, ai computer, etc.
Negli ultimi dieci anni il risparmio dell’ora legale è stato sempre meno rilevante. Ad esempio nel 2008 il cambio dell’ora consentiva di tagliare circa 646 chilowattora (secondo i dati forniti dalla Terna) mentre nel 2017 si sono risparmiati solo 567 milioni. Secondi i dati si risparmia di più in primavera ed in estate ma il mese che segna il maggior risparmio energetico, secondo Terna, è quello di ottobre mentre il secondo quello di aprile.

Il maggiore risparmio energetico si evidenzia, quindi, nei periodi delle mezze stagioni quando la differenza sulle ore di luce diviene apprezzabile. Ha minore effetto, invece, durante l’estate quando c’è più luce. Con l’ora legale si spostano le lancette un’ora avanti per cui l’utilizzo della luce artificiale si ritarda sopratutto la sera. Il problema è che nei mesi estivi la maggiore richiesta di energia elettrica è legata all’uso dei condizionatori indipendentemente dall’orario (e quindi dal cambio di ora in legale) perché l’utilizzo non è associato al numero di ore di luce naturale bensì dal clima e sopratutto dalla temperatura.

________________________________________________________________

schermata-2016-10-01-alle-19-19-06
COSTA PARADISO NEWS SUPERA 509.000 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 138 STATI E 1026 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 31 maggio 2019)
_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Costa Paradiso News non è un prodotto editoriale, viene aggiornato in base al materiale ricevuto dai lettori o da pubblicazioni viste sul web.

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.