Il debito globale 2019

by • 1 febbraio 2019 • ECONOMIA, In evidenzaCommenti disabilitati su Il debito globale 2019311

Il Fondo monetario internazionale lo calcola in 184mila miliardi di dollari, 225% del Pil mondiale. Uno studio di Citigroup realizzato sulla base dei dati raccolti dall’Institute of International Finance alza la stima a 250 trilioni di dollari, tre volte il totale di vent’anni fa. L’ordine di grandezza è in ogni caso impressionante: il mondo sta venendo sommerso da un fardello di debito potenzialmente insostenibile.

Sui principali debitori, Stati Uniti, Cina, Eurozona e Giappone, gravano oltre i due terzi del totale dell’indebitamento delle famiglie, tre quarti di quello delle imprese e l’80% del debito pubblico globale.

A ogni debito corrisponde un credito, per il quale il prestito erogato rappresenta un’attività finanziaria in grado di creare valore. Tuttavia, l’incremento del fardello debitorio internazionale rende ancora più alto il rischio di insolvenza, in un contesto che va analizzato alla luce di diversi fattori: la specificità del problema del debito nei vari scenari in cui si manifesta, la sua aperta correlazione con lo scenario finanziario globale e il dominio dell’incertezza sui mercati dei capitali.

Un debito globale, molti debiti settoriali
Come detto, c’è debito e debito. Oggigiorno esistono diverse spade di Damocle debitorie sull’economia mondiale. Per la Cina il 2019 sarà un anno caldissimo. Con un indebitamento complessivo pari al 240% del Pil, distribuito soprattutto tra enti locali, imprese e famiglie, l’Impero di Mezzo conoscerà la più grande sfida alla sostenibilità del suo impianto dirigista. Al tempo stesso, gli investimenti torrenziali sulla “Nuova Via della Seta” hanno portato all’emergere di problematiche in diverse nazioni (Gibuti, Pakistan, Montenegro, Sri Lanka) circa la sostenibilità di debiti controllati indirettamente dalla stessa Cina, che potrebbero frenare la proiezione economica di Pechino.

Il debito privato è, come in passato, il maggior punto di criticità. E ciò vale anche per l’Eurozona dove a presentare il profilo più preoccupante non è né la Grecia né l’Italia, ma bensì la Francia di Emmanuel Macron, che con un valore aggregato pari al 400% fortemente sbilanciato su imprese e famiglie ha il debito più elevato dell’Unione Europea.

Il debito nella morsa dei derivati
A un livello di debito superiore notevolmente al Pil mondiale si somma un sistema complesso, fortemente asimmetrico, di assicurazioni di diversi gradi e livelli. Come accaduto prima del crack di Lehmann Brothers, i debiti sono cartolarizzati, spacchettati, riassemblati in prodotti più complessi, su cui si innesta un’altrettanto complicata serie di assicurazioni attraverso strumenti derivati.

L’incertezza minaccia la sostenibilità del debito mondiale
“Posso calcolare i moti dei corpi celesti, ma non la follia delle persone”, disse nel 1720 Isaac Newton, che oltre a esser stato uno dei più grandi scienziati di tutti i tempi fu guardiano della Zecca Reale inglese e investitore finanziario, dopo lo scoppio della bolla della South Sea Company che gli causò una dura perdita finanziaria. Tre secoli dopo, siamo al punto di partenza. Le fasi di euforia finanziaria prefigurano i momenti in cui sono la volatilità e l’incertezza a farla da padrone.

Stiamo vivendo una di queste fasi. E nel contesto della sostenibilità del debito mondiale, specie di quello privato, questo è un problema. La volatilità riduce notevolmente i margini di manovra per le società impegnate nell’erogazione del credito alle imprese e alle famiglie, gli attesi rincari dei tassi di sconto delle principali banche centrali lasciano presagire un giro di vite che drenerà dai mercati parte della cascata di liquidità che in larga parte ha alimentato il fiume carsico della speculazione finanziaria, a sua volta apportatrice di nuovo debito.

Un mondo profondamente indebitato in cui non c’è spazio per l’erogazione di credito né alcuna reale garanzia per la sostenibilità del debito accumulato in precedenza e dei suoi interessi vive una situazione pericolosa. A oltre dieci anni dallo scoppio dell’ultima Grande Crisi, la finanza torna sui percorsi già battuti in precedenza. Puntando dritta verso il burrone. Le dimensioni della posta in gioco aiutano a comprendere quanto sia difficile per gli Stati e le istituzioni conquistarsi un margine di manovra che sarebbe essenziale per prevenire lo schianto. 2019 e 2020 saranno anni da vivere sull’ottovolante. La bolla del debito è estremamente fragile, e il sistema sembra essersi strutturato in modo tale da facilitarne lo scoppio.

________________________________________________________________

schermata-2016-10-01-alle-19-19-06
COSTA PARADISO NEWS SUPERA 450.000 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 132 STATI E 968 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 10 gennaio 2018)
_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.