Ilva, scudo penale: cos’è

by • 8 novembre 2019 • Visualizza in HomeCommenti disabilitati su Ilva, scudo penale: cos’è100

Lo scudo penale per l’Ilva risale al 2015. Cuore ne è l’articolo che esenta da responsabilità i soggetti gestori dell’Ilva di Taranto e i loro delegati per l’attuazione del Piano ambientale. La legge stabilisce che “non possono dare luogo a responsabilità penale o amministrativa del commissario straordinario, dell’affittuario o acquirente e dei soggetti da questi funzionalmente delegati, in quanto costituiscono adempimento delle migliori regole preventive in materia ambientale, di tutela della salute e dell’incolumità pubblica e di sicurezza sul lavoro”. Questo per evitare che i nuovi amministratori siano chiamati, nell’attuare il piano di risanamento, a rispondere di responsabilità precedenti il loro arrivo.

Lo ‘scudo’ è cambiato ben due volte. Una prima volta col decreto legge 34, già convertito in legge, che ha previsto l’abolizione dell’immunità dallo scorso 6 settembre. Ma il governo gialloverde ne ha poi proposto il ripristino col decreto legge 101, prevedendo l’immunità “a scadenza progressiva”. Se prima vigeva per tutta la durata del piano ambientale (termine: agosto 2023), il nuovo scudo seguiva l’iter di messa a norma di ciascun impianto con un perimetro applicativo più circoscritto, valeva solo per gli attuali gestori e i futuri acquirenti, e non più per i commissari. Chiamata in causa dal gip di Taranto che contestava lo scudo in quanto “non rispettoso di vari principi costituzionali”, la Corte Costituzionale ha deciso lo scorso 9 ottobre “la restituzione degli atti al gip, il quale, considerato che il legislatore è intervenuto due volte, dovrà valutare se permangono i dubbi di legittimità costituzionale”. Ma il parere del gip è superfluo: dopo le due modifiche, il governo, ora giallorosso, convertendo in legge il decreto 101, ha deciso di abbandonare l’ipotesi scudo penale. Che adesso, spinto da ArcelorMittal, potrebbe valutare di ripristinare.

________________________________________________________________

schermata-2016-10-01-alle-19-19-06
COSTA PARADISO NEWS SUPERA 509.000 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 138 STATI E 1026 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 31 maggio 2019)
_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Costa Paradiso News non è un prodotto editoriale, viene aggiornato in base al materiale ricevuto dai lettori o da pubblicazioni viste sul web.

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.