Sentenza del Tar su Moby e Tirrenia: la multa resta, ma va ridotta

by • 6 giugno 2019 • In evidenzaCommenti disabilitati su Sentenza del Tar su Moby e Tirrenia: la multa resta, ma va ridotta157

L’abuso di posizione dominante c’è stato, la multa resta, ma va ricalcolata. Anzi, ridotta. Dai 29 milioni di euro stabiliti dall’Antitrust si dovrà passare a una sanzione da riconteggiare. Perché l’abuso di posizione dominante, anche secondo il Tar del Lazio, c’è stato, ma il danno provocato dalla strategia di Moby e Tirrenia non è stato così grave com’era stato prospettato nella prima condanna. La guerra dei mari tra i colossi italiani del trasporto marittimo finisce un’altra volta al centro di una sentenza. Questa volta è il Tribunale amministrativo a giudicare quella che secondo alcune aziende di trasporto era una vera e propria guerra a colpi di prezzi. Ad architettarla, secondo l’Autorità garante per la concorrenza e anche secondo il Tar, era stata la compagnia di navigazione che gestiva quasi in esclusiva i collegamenti verso la Sardegna.

Il piano, stando alle contestazioni, era quello di ostacolare l’ingresso in quel mercato di due concorrenti come Grimaldi (con la quale il gruppo Onorato ha in corso un braccio di ferro che via avanti da tempo) e Grandi Navi Veloci che a partire dal 2015 hanno tentato di ritagliarsi una parte degli affari quotidiani per il viavai delle merci. Per i collegamenti tra la Sardegna e i porti delle penisola, il gruppo di Vincenzo Onorato (proprietario sia di Moby che di Tirrenia) può contare su una sovvenzione pubblica di circa 70 milioni di euro l’anno per assicurare la cosiddetta “continuità territoriale”.

Nel provvedimento dell’Antitrust si parla di sconti per chi avesse scelto di imbarcare i propri camion sui traghetti Moby/Tirrenia, di tariffe punitive per chi invece sceglieva le compagnie concorrenti. Si parla di “fedeli” e di “traditori” e anche di “boicottaggio diretto e indiretto” per vincere quella che era diventata una vera e propria battaglia navale. Con conseguenze anche per i consumatori, che si sono ritrovati a subire le conseguenze dell’aumento dei prezzi.

________________________________________________________________

schermata-2016-10-01-alle-19-19-06
COSTA PARADISO NEWS SUPERA 509.000 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 138 STATI E 1026 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 31 maggio 2019)
_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.