Crisi tra Mosca e Tokyo sulla pesca

by • 1 maggio 2022 • ESTERI, In evidenzaCommenti disabilitati su Crisi tra Mosca e Tokyo sulla pesca57

Dallo scoppio della guerra in Ucraina, i rapporti tra Giappone e Russia sono implosi deteriorandosi rapidamente fino a toccare uno dei punti più bassi degli ultimi decenni, con conseguenze che hanno iniziato a farsi sentire per tutta la popolazione giapponese. Eppure, in questo clima di profonda sfiducia reciproca, i due Paesi stanno mantenendo aperto il canale diplomatico che per tradizione è rimasto intatto anche durante i momenti più bui della guerra fredda, ossia i negoziati per la pesca.

I prodotti del mare sono uno degli elementi essenziali della cucina nipponica e rivestono un ruolo importante nella dieta di ogni cittadino giapponese. Salmoni e trote sono particolarmente diffusi. Tuttavia, anche per pescare questi due tipi di pesce all’interno della propria zona economica esclusiva, il Giappone ha bisogno di raggiungere un accordo con la Russia. Le uova di salmone e trota infatti si schiudono nei fiumi russi e, secondo la Convenzione dell’Onu sul diritto del mare, per poter pescare queste varietà di pesce durante le loro migrazioni in acque giapponesi il governo di Tokyo deve concordare con Mosca una tassa di cooperazione e un limite massimo al volume di pesce pescato. Nel 2021 l’accordo era stato raggiunto sulla cifra di 260-300 milioni di yen (1,9-2,15 milioni di euro) a seconda della quantità di pescato, ponendo il limite a 2050 tonnellate.

I negoziati sono iniziati la settimana scorsa ma stanno risentendo fortemente delle tensioni dovute al conflitto ucraino. Normalmente infatti ogni anno la stagione della pesca inizia il 10 aprile, quando le acque giapponesi si stanno avviando verso il loro momento di massima pescosità. Quest’anno tuttavia i colloqui tra le due delegazioni sono stati ritardati notevolmente, visto che gli altri anni verso fine marzo l’accordo con la Russia era già stato raggiunto, e al momento non è chiaro se i due Paesi possano concludere i negoziati con un accordo. Secondo una fonte dell’agenzia giapponese per la pesca, la posizione di Mosca si sarebbe indurita.

Le preoccupazioni dell’industria ittica nipponica sono fondate. Lo scorso mese Mosca ha inserito il Giappone nella lista dei Paesi ostili e appena cinque giorni fa il parlamento di Tokyo ha approvato la revoca della clausola della nazione più favorita per il commercio con Mosca. Nei paesini costieri di Hokkaido, dove i pescatori dipendono maggiormente dagli accordi con la Russia, c’è grossa agitazione: “Se non possiamo pescare, non potremo vivere. È una questione di sopravvivenza per noi” dice un pescatore residente a Nemuro.

Il problema poi è ben più grande della sola pesca di trote e salmoni, visto che anche altri accordi annuali su cui fa affidamento l’industria ittica giapponese sono ancora lontani dall’essere conclusi. Il capo segretario di gabinetto Matsuno Hirokazu ha dichiarato la settimana scorsa che verrà fatto ogni sforzo per salvaguardare gli interessi dei pescatori giapponesi. Tokyo quindi non intende muoversi dalla sua posizione di ferma condanna della guerra in Ucraina, ma allo stesso tempo deve attenersi alle aspettative della popolazione locale che sulla collaborazione con la Russia fa affidamento.

________________________________________________________________


COSTA PARADISO NEWS SUPERA 651.308 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 152 STATI E 1158 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 02 gennaio 2022)
_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Costa Paradiso News non è un prodotto editoriale, viene aggiornato in base al materiale ricevuto dai lettori o da pubblicazioni viste sul web.

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.