Andare oltre la guerra

by • 4 luglio 2024 • SOCIALE, Visualizza in HomeCommenti disabilitati su Andare oltre la guerra342

La guerra. L’idea della guerra. La funzione della guerra. L’utilità della guerra. L’inevitabilità della guerra: «La controversia degli stati può quindi, in quanto le volontà particolari non trovano un accordo, venir decisa soltanto dalla guerra», scrisse Hegel in uno dei pochissimi libri che volle pubblicare in vita, dal titolo Lineamenti di filosofia del diritto. Ma, aggiungeva, la guerra è necessariamente transitoria perché gli Stati, che per Hegel sono come degli organismi, tendono a tornare alla migliore condizione di vita per sé, secondo i propri interessi e il proprio benessere, diremmo oggi, che non è la condizione data dalla violenza perpetua. È dunque una pace “accidentale”, che torna ciclicamente per interesse. O, secondo Kant, per la natura stessa degli Stati che, come avviene fra gli esseri umani, alla fine sono portati a cooperare, a livello internazionale in questo caso, per migliorare la propria condizione e così, in linea teorica, la pace potrebbe perpetuarsi ed essere un orizzonte a cui il mondo tende.
Magari fosse oggi quell’orizzonte.

Sempre più la guerra da strumento politico, geopolitico o economico diviene – a maggior ragione nel mondo globalizzato – uno strumento culturale, una metafora e un simbolo di un modo di relazionarsi. È un approccio possibile e realizzabile, così che diviene una parte identitaria di uno Stato o di un gruppo sociale o di un’idea politica. Nessuno vuole veramente la guerra, perché comporta il rischio di perdere e di morire, ma essa è utile, funzionale, effettiva e, in ultima analisi, necessaria. Se ne rese conto perfino Bertrand Russell, filosofo logico-matematico che vinse il premio Nobel per la letteratura in quanto «campione degli ideali umanitari e della libertà di pensiero». Era un pacifista convinto, attivista e teorico dell’antiviolenza, all’inizio del Novecento guidò un movimento contro la leva obbligatoria e fu multato, gli pignorarono i libri, lo sospesero dall’insegnamento a Cambridge e venne pure imprigionato. Ma non rinunciò alla speranza: fu lui, pochi anni dopo, a proporre un invito a pranzo a Hitler, offrendogli il miglior vino, per tentare di portarlo a miti consigli, e non era una boutade, ma una proposta vera da parte di un pari inglese.

Come sappiamo, non se ne fece nulla e nel 1940 anche Russell dovette cedere alla forza e alla necessità (in senso filosofico) della guerra. Nacque così la sua teoria del “pacifismo relativo”, che prevede in casi eccezionali, in assenza di alternative, quando l’aggressore non è disposto a dialogare e anzi impone il suo dominio con la violenza, la possibilità di resistere con le armi, una possibilità ritenuta moralmente necessaria. Ecco di nuovo il termine filosofico “necessario”, cioè qualcosa che discende rigorosamente e inevitabilmente dalle sue premesse logiche. Dunque per la filosofia la guerra è anche logica, in alcuni casi. Ma è la logica della guerra che sta prendendo, o ha già preso, il sopravvento, ed è cosa ben diversa: una logica che pone la contrapposizione violenta come paradigma di confronto ovunque, sulle frontiere fra Stati e sui social network.

Ancora una volta è il framing, cioè l’influenza sul nostro modo di vedere le cose che questo modello porta, ad essere pericoloso per il futuro. Se il modello della guerra e non quello del dialogo diviene lo strumento di relazione più efficace, economico e funzionale, o addirittura l’unico possibile, anzi necessario, che adottano i governi, i partiti, le correnti di pensiero, i talk show, le community online, allora davvero siamo nei guai. Ma se allarghiamo lo sguardo alle molte componenti interrelate delle guerre vere e le consideriamo secondo una epistemologia della complessità, quindi non meccanicistica o gerarchica, ma aperta al cambiamento, allora vediamo cose come le disuguaglianze, il riscaldamento globale, le migrazioni, la cultura della violenza, la superpotenza dei mercati finanziari, l’identitarismo esasperato e così via: forse da qualche parte in quei mondi troviamo una fessura in cui infilare una prima parola nuovamente dialogante e finalmente utile.

________________________________________________________________


COSTA PARADISO NEWS SUPERA 700mila VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 160 STATI E 1200 LOCALITÀ ITALIANE
(Google analytics 02 gennaio 2024)


_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Costa Paradiso News non è un prodotto editoriale, viene aggiornato in base al materiale ricevuto dai lettori o da pubblicazioni viste sul web.

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

Pin It

Comments are closed.