Brexit, dal 1 febbraio i primi cambiamenti

by • 7 febbraio 2020 • ESTERI, In evidenzaCommenti disabilitati su Brexit, dal 1 febbraio i primi cambiamenti234

Passaporto: Dal 1 febbraio, formalmente il Regno Unito non farà più parte dell’area di libera circolazione di persone e merci.
Uk non ha mai fatto parte della Convenzione di Schengen e dunque era sempre necessario il controllo di documenti di identità in partenza e in arrivo. Fino a oggi anche la Carta di Identità era accettata.
Per il 2020, periodo di transizione, la Carta di Identità varrà ancora. Dal 2021, invece, per entrare in UK, a qualsiasi titolo, occorrerà avere un passaporto.

Visto: fino al 31 gennaio è stato possibile trasferirsi in UK per sempre o fermarsi e per tutto il tempo desiderato senza bisogno di alcun documento. Dal 1 Febbraio il Regno Unito diventerà un paese straniero a tutti gli effetti, come lo sono gli Stati Uniti, o il Giappone. Trasferirsi a Londra, per periodi superiori ai 3 o 6 mesi, sarà lo stesso che trasferirsi a New York o Dubai. Sarà dunque necessario un visto, per vivere e lavorare nel paese.

Vacanze: milioni di italiani ogni anno visitano Londra, per vacanze o solo nel fine settimana. Dal 2021 occorrerà un visto turistico. Ma saranno visti facilitati e si otterranno on line come accade oggi per molti paesi stranieri, per es. l’Esta degli Stati Uniti.

Shopping: tutti i grandi magazzini inglesi, le boutique di prestigio e i negozi medio-grandi consentono ai cittadini europei di pagare in Euro, sia con contanti che con bancomat/carte di credito. L’Inghilterra fa parte della Ue ma ha mantenuto la sterlina.
In molti posti turistici erano ammesse entrambe le valute. Dal 1 febbraio questo non sarà più possibile. Saranno accettate solo le sterline.

Studenti: ogni anno migliaia di studenti, minorenni, vengono spediti, per brevi periodi, dalle famiglie in Inghilterra a studiare inglese. Occorrerà anche per loro un documento d’ingresso, ma non sono previsti particolari inasprimenti o difficoltà rispetto al passato.

Frontiera: dal 2021 tornerà una frontiera tra l’Inghilterra e l’Unione Europea. Essendo un’isola, già oggi il paese è separato dal resto del continente. Ci vorrà però un confine fisico tra l’Irlanda del Nord, che appartiene a UK, e la Repubblica d’Irlanda, stato membro della Ue. Aerei e navi già oggi quando arrivano in Uk, devono effettuare controlli di frontiera e operazioni doganali.

TGV: il treno veloce francese TGV collega Parigi e Londra in 2 ore. Passa sotto il canale della Manica attraversando l’Eurotunnel. E’ l’unico collegamento terrestre e diretto tra l Gran Bretagna e l’Europa. Dal 1 febbraio, ma di fatto dal 1 gennaio 2021, anche il “pendolino” dovrà effettuare controlli di frontiera e passare una dogana all’arrivo a Londra e a Parigi, come in un qualsiasi aeroporto.

Merci: il Regno Unito è un importatore totale. Compra tantissimi beni dall’Europa, e tantissimo Made in Italy, ma vende poco all’estero. Cibo, abbigliamento, arredamenti, macchinari e veicoli europei che oggi si trovano in abbondanza e che sono importati, dal 1 febbraio dovranno passare una dogana e potrebbero dover pure pagare dei dazi. E’ uno degli argomenti più spinosi della trattativa commerciale tra Uk e Ue.

Immigrazione: non ci saranno limiti all’immigrazione legale, ma solo se avranno un lavoro pagato più di 30mila sterline l’anno dal datore di lavoro. La misura serve a limitare l’ingresso di manodopera non specializzata e favorire l’ingresso di lavoratori stranieri qualificati. Gruppi di imprenditori hanno chiesto abbassamento della soglia a 26mila sterline.

________________________________________________________________

schermata-2016-10-01-alle-19-19-06
COSTA PARADISO NEWS SUPERA 544.000 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 142 STATI E 1031 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 18 gennaio 2020)
_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Costa Paradiso News non è un prodotto editoriale, viene aggiornato in base al materiale ricevuto dai lettori o da pubblicazioni viste sul web.

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.