Brexit, frontiere chiuse per i criminali stranieri

by • 30 ottobre 2020 • ESTERI, In evidenzaCommenti disabilitati su Brexit, frontiere chiuse per i criminali stranieri119

“Il Regno Unito sarà più sicuro grazie a controlli alle frontiere più rigidi e imparziali. In questo modo i criminali stranieri, indipendentemente dalla nazionalità, saranno tutti soggetti alle stesse regole”. Parola di Priti Patel, ministro dell’Interno inglese. Ha annunciato così la decisione, passata oggi al vaglio del Parlamento, di introdurre il respingimento dei cittadini dell’Unione europea che abbiano avuto condanne. Anche per reati minori. Anche a pene non detentive. Una norma che avrà valore a partire dall′1 gennaio 2021, dal giorno, cioè, in cui finirà il periodo di transizione post Brexit e la Gran Bretagna non farà più parte dell’Unione europea.

Non è una novità assoluta per il Paese: con questa modifica saranno equiparate, anche sotto il profilo penale, le persone residenti in Ue agli altri stranieri. La ministra, strenua sostenitrice della Brexit, ha annunciato questa misura con grande enfasi. Quasi come fosse un provvedimento salvifico: “Per troppo tempo le norme dell’UE ci hanno costretto a consentire l’ingresso nelle nostre strade di pericolosi criminali stranieri, che abusano dei nostri valori e minacciano il nostro modo di vivere”, ha dichiarato.

Ma chi sono questi “pericolosi criminali stranieri?”. In realtà la norma non è circoscritta a chi ha compiuto reati più gravi: non potrà trasferirsi in Gran Bretagna chi ha ricevuto una condanna ad almeno 12 mesi di carcere. In casi del genere la legge non prevede eccezioni: ingresso oltremanica vietato, punto.

Ma anche chi ha ricevuto pene più lievi rischia la stessa sorte. In questo caso, però, sarà il ministero dell’Interno a fare una valutazione. Come spiega Reuters potranno non essere ammessi nel Regno Unito anche i condannati e pene inferiori a un anno, se la loro “storia criminale” sarà ritenuta pericolosa per il Paese. Ma non è tutto. Si rischia di non poter approdare in Gran Bretagna anche la pena inflitta non è detentiva. Chi è stato condannato per un qualsiasi reato negli ultimi 12 mesi (rispetto al momento in cui decidere di approdare Oltremanica) e non ha mai vissuto nel Paese, potrebbe incorrere nel “niet” del ministero dell’Interno. Stesso destino per chi è stato condannato al carcere per periodi molto brevi, ma ha compiuto lo stesso reato più volte. O, ancora, per chi è stato autore di un illecito “che causa un danno grave”.

Si potrà scegliere di non far oltrepassare i confini britannici anche a chi, si legge nel vademecum del governo inglese, è ritenuto un pericolo per il bene pubblico. Un’espressione, questa, tutt’altro che puntuale.

Le misure non saranno applicate a chi, pur avendo in passato compiuto reati, ha ottenuto di recente un permesso di soggiorno di cinque anni grazie agli accordi fatti tra Gran Bretagna e Ue dopo il “divorzio”. Ma, precisa il governo, se un individuo ha giovato di questo accordo ma commette crimini dopo il primo gennaio, il permesso potrebbe essergli revocato. Tradotto: il cittadino in questione potrebbe essere espulso.

I provvedimenti sono stati annunciati in pompa magna sul sito dell’esecutivo inglese: “Non solo il governo rende i confini più sicuri, ma darà alla polizia maggiori poteri per proteggere le persone”. Ma le autorità di pubblica sicurezza hanno avvertito il governo: se al termine del periodo di transizione non ci saranno accordi tra Gran Bretagna e Ue, la sicurezza del Paese potrebbe risentirne. Nonostante le misure appena varate.

________________________________________________________________

schermata-2016-10-01-alle-19-19-06
COSTA PARADISO NEWS SUPERA 544.000 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 142 STATI E 1031 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 18 gennaio 2020)
_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Costa Paradiso News non è un prodotto editoriale, viene aggiornato in base al materiale ricevuto dai lettori o da pubblicazioni viste sul web.

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.