CHE COS’È LA NATO?

by • 21 aprile 2022 • ESTERI, In evidenzaCommenti disabilitati su CHE COS’È LA NATO?187

La Nato, chiamata anche Alleanza Atlantica o Patto Atlantico, è un’organizzazione internazionale militare di natura difensiva, North Atlantic treat Organization (Organizzazione del Trattato dell’Atlantico del Nord). Nata il 4 aprile 1949 ed entrata in vigore il 24 agosto dello stesso anno, è un alleanza politica e militare siglata con il Trattato di Washington. È un’organizzazione creata in risposta al carattere totalitario dell’Unione Sovietica. Questa tentava di controllare in modo antidemocratico diversi paesi europei. L’Organizzazione ha sede a Bruxelles.

La sua missione è quella di “garantire la libertà e la sicurezza dei Paesi membri attraverso mezzi politici e militari”.

Alleanza politica e militare:

POLITICA:
la Nato promuove i valori democratici e consente ai membri di consultarsi e collaborare in materia di difesa e sicurezza per risolvere i problemi, creare fiducia e, nel lungo termine, prevenire i conflitti.

MILITARE:
La Nato si impegna a risolvere pacificamente le controversie. In caso di fallimento degli sforzi diplomatici, ha il potere militare di intraprendere operazioni di gestione delle crisi. Tali operazioni devono essere condotte in base alla clausola di difesa collettiva presente nel trattato fondativo della NATO – Articolo 5 del Trattato di Washington o dietro mandato delle Nazioni Unite, da soli o in collaborazione con altre organizzazioni internazionali.

QUANTI PAESI FANNO PARTE DELLA NATO?
Quali paesi fanno parte della Nato? Ad oggi fanno parte dell’Alleanza atlantica 30 Stati al mondo: Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Francia, Germania, Italia, Spagna. Dal 1999 si sono aggiunti i Paesi dell’est Europa come Repubblica Ceca, Ungheria, Polonia, Bulgaria, Romania, Slovacchia e Slovenia, e ex repubbliche sovietiche come Estonia, Lituania e Lettonia. L’adesione di questi Paesi hanno irrigidito la Russia.

Ne fanno parte anche Albania, Belgio, Croazia, Danimarca, Grecia, Islanda, Lussemburgo, Macedonia del Nord, Montenegro, Norvegia, Portogallo, Ungheria e Paesi Bassi.

CHI DIRIGE LA NATO?
È Jens Stoltenberg l’attuale segretario generale dell’Alleanza atlantica. Nominato l’1 ottobre 2014, si considera un pacifista. Politico, norvegese di 62 anni, ha ricoperto per ben due volte l’incarico di primo ministro della Norvegia. Il segretario generale è il più alto funzionario internazionale dell’Alleanza. Ha il compito di guidare le consultazioni e il processo decisionale all’interno dell’Alleanza e di garantire l’attuazione delle decisioni. È, inoltre, il portavoce capo della Nato nonché il capo dello staff internazionale dell’organizzazione che ha il compito di fornire consulenza, orientamento e assistenza amministrativa alle delegazioni nazionali nei quartieri generali della Nato.

LA NATO PUÒ INTERVENIRE NELLA CRISI IN UCRAINA?
Ma la Nato può intervenire in Ucraina? Si è parlato negli ultimi giorni di articolo 4 e articolo 5 del Patto Atlantico. Diversi Paesi Baltici hanno chiesto negli ultimi giorni a Jens Stoltenberg di attivare questi due articoli per far fronte alla crisi Ucraina. Ma la Nato può muoversi in questo modo? Visto che l’Ucraina non fa parte della Nato. E, soprattutto, cosa sono gli articoli 4 e 5?

Articolo 4
Le parti si consulteranno ogni volta che, nell’opinione di una di esse, l’integrità territoriale, l’indipendenza politica o la sicurezza di una delle parti fosse minacciata.

Articolo 5
Le parti convengono che un attacco armato contro una o più di esse in Europa o nell’America settentrionale sarà considerato come un attacco diretto contro tutte le parti, e di conseguenza convengono che se un tale attacco si producesse, ciascuna di esse, nell’esercizio del diritto di legittima difesa, individuale o collettiva, riconosciuto dall’art. 51 dello Statuto delle Nazioni Unite, assisterà la parte o le parti così attaccate intraprendendo immediatamente, individualmente e di concerto con le altre parti, l’azione che giudicherà necessaria, ivi compreso l’uso della forza armata, per ristabilire e mantenere la sicurezza nella regione dell’Atlantico settentrionale. Ogni attacco armato di questo genere e tutte le misure prese in conseguenza di esso saranno immediatamente portate a conoscenza del Consiglio di Sicurezza. Queste misure termineranno allorché il Consiglio di Sicurezza avrà preso le misure necessarie per ristabilire e mantenere la pace e la sicurezza internazionali.

Leggendo prima l’Articolo 4, comprendiamo che la Nato, in teoria, non potrebbe intervenire in Ucraina. Ma leggendo poi l’Articolo 5, La Nato potrebbe intervenire, a difesa dell’Ucraina, non in quanto membro dell’Alleanza, ma perché segnale di un pericolo allargato ad altri Paesi, che fanno parte della Nato, quali Polonia, Estonia, Lettonia e Lituania.

DOVE SI TROVA LA NATO IN ITALIA?
La principale base Nato in Italia è quella di Sigonella, in Sicilia, nella piana di Catania, ma in tutta l’isola sono distribuite altre basi Nato. Il ruolo strategico della Sicilia è quello di base di lancio per i super droni di ultima generazione, i Global Hawk, aerei guidabili in remoto da oltre duecento milioni di dollari. Quelli che in queste settimane hanno perlustrato ogni giorno, per ore, il confine tra Ucraina e Russia, e registrato gli spostamenti dei soldi russi. Assieme ai Global Hawk, figurano i ‘Triton’ e i cosiddetti droni killer ‘Reaper’. Sigonella fa da base di trasmissione dei dati necessari ai piani di volo e di attacco dei droni. Ha due “facility” gemelle: la base di Ramstein, in Germania, e quella di Creech, nel Nevada.

________________________________________________________________


COSTA PARADISO NEWS SUPERA 651.308 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 152 STATI E 1158 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 02 gennaio 2022)
_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Costa Paradiso News non è un prodotto editoriale, viene aggiornato in base al materiale ricevuto dai lettori o da pubblicazioni viste sul web.

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.