Coprifuoco: perché si dice così

by • 20 novembre 2020 • Covid-19, In evidenza, SOCIALECommenti disabilitati su Coprifuoco: perché si dice così121

Origine del termine coprifuoco
Il coprifuoco è un divieto senza contraddittorio imposto dai governanti ed ha origini nell’alto MedioEvo. È stato poi utilizzato anche nelle nazioni occidentali più di recente nei periodi di guerra. Il primo a parlare di coprifuoco ed esattamente di “curfew” (lingua inglese) fu Guglielmo il Conquistatore nel 1068 quando dopo la vittoria ad Hastings impose lo spegnimento di tutti i fuochi nelle città inglesi al rintocco delle campane della sera (delle otto). Lo fece, questo era il motivo ufficiale, per prevenire incendi dato che le case erano in legno.

Coprifuoco oggi
Il termine coprifuoco nell’età moderna sta ad indicare che quando scatta c’è l’ordine per tutti di rientrare a casa dopo una certa ora. È stato utilizzato durante le guerre ad esempio nel caso del rischio di bombardamento mentre ad oggi viene usato quasi sempre per motivi di ordine pubblico.

Il 5 ottobre 1961, ad esempio, a Parigi fu dichiarato dal prefetto Papon per contrastare insurrezioni e attentati. All’epoca si era in piena guerra con l’Algeria e lo istituì dalle 20:00 imponendolo solo ai musulmani algerini. Negli Stati Uniti, invece, l’utilizzo del coprifuoco è consueto ed è legato spesso sia dopo eventi tragici come la morte di dell’afroamericano George Floyd (ucciso dai poliziotti) che a disordini pubblici nati spesso per questioni legate ai diritti civili.

Anche nel nostro paese è tornato di modo il coprifuoco ma serale per cercare di arginare il contagio da Covid-19 e ridurre gli assembramenti.

________________________________________________________________


COSTA PARADISO NEWS SUPERA 544.000 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 142 STATI E 1031 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 18 gennaio 2020)
_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Costa Paradiso News non è un prodotto editoriale, viene aggiornato in base al materiale ricevuto dai lettori o da pubblicazioni viste sul web.

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.