Corte Ue condanna la Polonia

by • 5 novembre 2021 • ESTERI, In evidenzaCommenti disabilitati su Corte Ue condanna la Polonia127

La Corte europea di Giustizia ha condannato Varsavia a pagare una sanzione di un milione di euro al giorno per non aver sospeso le disposizioni relative alla Camera disciplinare della Corte suprema, un organo che secondo l’Ue limita gravemente l’indipendenza dei magistrati, influenzandone l’operato. Lo ha annunciato la stessa Corte Ue.

Il rispetto delle misure provvisorie ordinate il 14 luglio 2021 dalla Corte Ue, si legge in una nota, «è necessario al fine di evitare un pregiudizio grave e irreparabile all’ordine giuridico dell’Unione europea nonché ai valori sui quali l’Unione è fondata, in particolare quello dello Stato di diritto». La sanzione deve essere calcolata a partire dalla data di notifica dell’ordinanza alla Polonia, restando in vigore finché Varsavia non si conformerà agli obblighi o fino alla data di una sentenza definitiva sulla controversia.

Salto di qualità
La Commissione europea aveva chiesto le sanzioni il mese scorso dopo che la Polonia ha ignorato le richieste di luglio della corte di «sospendere immediatamente» il suo sistema di disciplina giudiziaria, visto dai critici come un modo per mettere a tacere i giudici che non appoggiano il partito Legge e Giustizia al potere.

Fondi congelati
La decisione si colloca in un clima di grande tensione tra Polonia e Ue, che ha congelato i 23,9 miliardi di euro di sovvenzioni che il Paese dovrebbe ricevere dal Pnrr. Il governo nazionalista della Polonia questo mese ha aggravato la crisi dopo la sentenza dell’Alta Corte che sfida l’ordine giuridico dell’Ue, dicendo che la legge polacca lo può scavalcare.

Secondo la Corte Ue, il meccanismo disciplinare dei giudici «potrebbe essere usato per esercitare un controllo politico sulle decisioni giudiziarie o per esercitare pressioni sui giudici al fine di influenzare le loro decisioni».

Promesse non mantenute
Il premier polacco Mateusz Morawiecki ha detto la settimana scorsa al Parlamento Europeo che la sezione disciplinare sarebbe stata abolita, ma finora non ha dato seguito all’annuncio e non risulta al momento nessun disegno di legge in proposito.

Il vice ministro della Giustizia polacco Sebastian Kaleta ha scritto su twitter che la sentenza della Corte europea è «una usurpazione e un ricatto».

La replica: punizioni e ricatti Ue non sono la via giusta
Piotr Muller, portavoce del premier polacco Mateusz Morawiecki, ha commentato la sentenza della Corte di giustizia Ue ribadendo su Twitter che «la questione dell’organizzazione della magistratura è di competenza esclusiva degli Stati membri». Il governo polacco, ha proseguito Muller, «ha parlato pubblicamente della necessità di introdurre modifiche in questo settore che ne garantissero l’efficace funzionamento. La via delle punizioni e dei ricatti verso il nostro Paese non è quella giusta»

________________________________________________________________


COSTA PARADISO NEWS SUPERA 605.898 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 152 STATI E 1123 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 04 gennaio 2021)
_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Costa Paradiso News non è un prodotto editoriale, viene aggiornato in base al materiale ricevuto dai lettori o da pubblicazioni viste sul web.

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.