Cosa significa il puntino arancione o verde sull’iPhone

by • 1 ottobre 2020 • TECNOLOGIA, In evidenzaCommenti disabilitati su Cosa significa il puntino arancione o verde sull’iPhone425

Se avete aggiornato il vostro iPhone a iOS 14 (oppure l’iPad ad iPadOS 14), avrete notato che, di tanto in tanto, sullo schermo compare un puntino arancione o verde. Si trova in alto a destra, vicino all’indicazione della batteria, del wi-fi e delle tacche di ricezione cellulare. Nulla di cui preoccuparsi: è una nuova funzione per la privacy che serve a segnalare l’attivazione della fotocamera anteriore o posteriore (il puntino verde) o del microfono (puntino arancione). Apple l’ha introdotta affinché l’utente possa sempre sapere, con un colpo d’occhio, se il dispositivo lo sta “osservando” o “ascoltando”.

App sotto controllo
Quando uno dei due puntini si attiva, il sistema indica anche quale applicazione sta accedendo alla fotocamera o al microfono. Per scoprirlo basta scorrere con un dito dall’alto verso il basso nell’angolo in alto a destra del display, quello dove si trova appunto il puntino colorato (oppure dal basso verso l’alto sugli iPhone meno recenti, quelli senza notch e con tasto home). Il nome dell’applicazione, accompagnato dal simbolo della telecamera o del microfono, sarà ben visibile in alto al centro subito sopra il Centro di Controllo.
La possibilità di avere sempre sott’occhio le app che accedono a fotocamera e microfono dovrebbe aiutare a tranquillizzare chi teme di essere spiato da Facebook o Instagram a fini pubblicitari: a partire da iOS 14 entrambe le app non potranno in alcun modo accedere al microfono senza che ve ne accorgiate.

Le spie luminose richiamano una funzione già presente sui Mac da diversi anni. Sui computer della Mela un LED verde posto a destra della fotocamera ne indica l’attivazione. A differenza della lucetta del Mac, che è collegata fisicamente al circuito della fotocamera, la spia colorata dell’iPhone e dell’iPad è “virtuale”, cioè generata via software con i pixel del display. Apple ha tuttavia garantito che il codice per l’attivazione del puntino, integrato nel sistema operativo, è altrettanto sicuro e che le app di terze parti non possono bypassare in alcun modo questa misura di sicurezza.
iOS 14 e la privacy
iPadOS 14 e iOS 14 introducono varie altre funzionalità orientate alla privacy, pensate per dare sempre contezza all’utente delle operazioni che le app (di sistema e non) eseguono dietro le quinte. Quanto un’applicazione accede ad esempio agli appunti (cioè i dati copiati nella memoria del dispositivo e pronti per essere incollati), iOS 14 e iPadOS 14 avvisano l’utente con un piccolo pop-up di notifica in alto sullo schermo.

Questa semplice funzionalità ha già avuto il suo momento di gloria durante il periodo di beta-testing dei nuovi sistemi operativi, quando ha contribuito a svelare che un gran numero di applicazioni (inclusa quella di TikTok) accedevano in continuazione agli appunti senza un valido motivo. L’accesso a questo tipo di dati, quando non espressamente consentito dall’utente, rappresenta un potenziale problema di sicurezza, perché gli elementi copiati potrebbero essere ad esempio una password, un codice fiscale, delle coordinate bancarie o un numero di passaporto.

Sicurezza delle password
La versione di Safari che arriva con iOS 14 offre un altro contributo alla sicurezza della vita digitale dell’utente. L’applicazione portachiavi (ovvero: il servizio integrato nel browser e nel sistema che permette di sincronizzare le password su vari dispositivi Apple) segnalerà agli utenti se una o più delle password salvate è stata diffusa a seguito di un furto di identità, o se è finita in un cosiddetto “dump”, le enormi liste di credenziali trafugate da servizi online e siti web. Safari riesce a offrire questa opzione, spiegano da Apple, senza mai conoscere la password in questione, che rimane salvata in formato criptato (verrà utilizzata invece una porzione offuscata della parole o della frase). In questo modo l’utente saprà sempre quando è il caso di modificare una password ed evitare che i propri account vengano compromessi.

La lotta contro il tracking
Con iOS 14 e iPadOS 14 Apple ha inasprito inoltre la sua battaglia contro la profilazione, iniziata già nel 2017 con l’introduzione della cosiddetta “Intelligent Tracking Prevention” (ITP), una funzione che impedisce la raccolta incrociata dei dati di navigazione su diversi siti Web.

I nuovi sistemi operativi estendono lo stesso concetto alle applicazioni: quando un’app vorrà attivare il tracciamento incrociato, un pop-up, simile a quello che autorizza l’uso della posizione, comparirà a schermo per chiedere l’autorizzazione dell’utente. È un’estensione di un’opzione già esistente (“Limita il tracciamento pubblicitario”, disponibile nella sezione privacy delle preferenze di iOS) che ora però verrà portata di continuo all’attenzione del soggetto tracciato.

La funzione è talmente efficace che Facebook e molte altre aziende che basano il proprio modello di business sulla pubblicità e sulla profilazione selvaggia degli utenti l’hanno presa sul personale, protestando vigorosamente contro quella che considerano – senza alcun rispetto per la posizione degli utenti – come una minaccia alla loro stessa esistenza. La levata di scudi è stata purtroppo abbastanza efficace e rumorosa da convincere Apple a ritardare l’introduzione della funzione anti-tracking. Arriverà più avanti con un successivo aggiornamento di iOS 14 e iPadOS 14, per dare tempo ai “tracciatori” di adattare le proprie app al framework fornito da Apple per l’attribuzione pubblicitaria, un sistema di tracciamento soft che dovrebbe garantire in maniera più efficace la privacy degli utenti.

________________________________________________________________

schermata-2016-10-01-alle-19-19-06
COSTA PARADISO NEWS SUPERA 544.000 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 142 STATI E 1031 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 18 gennaio 2020)
_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Costa Paradiso News non è un prodotto editoriale, viene aggiornato in base al materiale ricevuto dai lettori o da pubblicazioni viste sul web.

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.