Dal 1950 ad oggi New York sprofonda di 9 cm

by • 14 giugno 2023 • ESTERI, In evidenzaCommenti disabilitati su Dal 1950 ad oggi New York sprofonda di 9 cm122

New York City è minacciata non solo dall’innalzamento del livello del mare, provocato dai cambiamenti climatici, ma anche dall’enorme peso dei suoi grattacieli che stanno facendo sprofondare la metropoli costruita su tre isole.

Il peso dei grattacieli a New York
E’ questo l’allarme lanciato in una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Earth’s Future, che registra come il milione di edifici newyorkesi, che hanno un peso collettivo di 1,7 trilioni di libbre, pari a 140 milioni di elefanti, stia facendo sprofondare la città ad un ritmo di 1-2 mm all’anno, che diventa doppio in alcune zone.

Il livello dell’acqua intorno alla città è aumentato di 9 cm dal 1950 ad oggi e si prevede che entro la fine del secolo gravi inondazioni saranno quattro volte più frequenti di adesso, a causa della combinazione di questo innalzamento delle acque e la maggiore forza degli uragani, sempre causata dai cambiamenti climatici.
“Una popolazione, densamente concentrata, di 8,4 milioni di persone fronteggiano vari livelli di pericolo per inondazioni a New York”, si legge nella ricerca, che ricorda come due recenti uragani, Sandy nel 2012 e Ida nel 2021, abbiano già provocato vittime e pesanti danni.

Il clima, la sabbia e l’argilla
La ricerca poi sottolinea come con New York molte altre città costiere in tutto il mondo condivideranno questo pericolo con il peggiorare della crisi climatica. “La combinazione di cedimento tettonico e provocato dall’azione dell’uomo, con l’innalzamento del livello del mare e l’aumento dell’intensità degli uragani provoca l’accelerazione dei problemi nelle aree costiere e fluviali”, si legge ancora nella ricerca.

Per quanto riguarda, invece, lo sprofondamento dovuto al peso dei grattacieli i geologi spiegano che il sottosuolo di New York sia di materiali diversi, dai solidi strati di scisto ad un mix di sabbia ed argilla. “Più soffice è il terreno e più c’è la compressione prodotta dagli edifici”, spiega Tom Parson, il geofisico dell’Us Geological Survey che ha guidato la ricerca, sottolineando che non “è stato un errore costruire questi enormi edifici a New York, bisogna tenere in mente che quando si costruisce qualcosa questo poi spinge in basso il terreno un po’ di più”.
“Non è qualcosa per cui andare nel panico immediatamente – ha poi concluso – ma è un processo in corso che aumenta il rischio di inondazioni”.

________________________________________________________________


COSTA PARADISO NEWS SUPERA 693.421 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 156 STATI E 1183 LOCALITÀ ITALIANE
(Google analytics 08 gennaio 2023)


_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Costa Paradiso News non è un prodotto editoriale, viene aggiornato in base al materiale ricevuto dai lettori o da pubblicazioni viste sul web.

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

Pin It

Comments are closed.