“Federazione russa che non ha un futuro”

by • 16 ottobre 2023 • ESTERI, In evidenzaCommenti disabilitati su “Federazione russa che non ha un futuro”131

I popoli minori della Russia non riconoscono le elezioni

di Vladimir Rozanskij
Con un comunicato comune i leader autonomisti di tatari, circassi, scandinavi, baskiri e attivisti di altre minoranze sconfessano i risultati delle elezioni amministrative tenute in tutto il Paese due settimane fa. Il voto pesantemente condizionato dalla repressione di ogni voce alternativa a Putin viene definito una “vergognosa farsa politica” in una “Federazione russa che non ha un futuro

I vari movimenti regionalisti e di liberazione nazionale, che rappresentano i popoli nativi e le regioni “colonizzate” della Federazione russa, hanno diffuso un comunicato in cui dichiarano di non riconoscere gli esiti di quelle che definiscono le recenti “pseudo-elezioni” amministrative nei vari soggetti federali dello scorso 8-10 settembre, che hanno interessato anche le regioni occupate e “annesse” dell’Ucraina.

L’appuntamento elettorale, secondo il comunicato, è stato organizzato “dal regime criminale russo, guidato dal criminale internazionale Vladimir Putin”. I movimenti indipendentisti dichiarano di non riconoscere “questa vergognosa farsa politica”. In una fase di aggressione bellica, di imposizione sempre più esplicita della dittatura e di privazione dei diritti dei cittadini dei propri diritti e libertà, con la chiusura dei mezzi d’informazione indipendenti e degli istituti di difesa sociale, nel pieno delle repressioni politiche e della persecuzione dei “diversamente pensanti”, queste elezioni hanno mostrato in modo ancora più evidente che “la Federazione russa non ha un futuro, e il regime putiniano non gode di un reale consenso delle persone, sta vivendo in realtà i suoi ultimi giorni”.

Sono state elezioni menzognere del ruscismo, il regime russo-fascista, da parte di un Paese-terrorista guidato da criminali di guerra, si afferma nel comunicato. La contrapposizione ad esso, secondo i rappresentanti dei popoli della Russia, “è possibile per molte altre vie, compresa la resistenza armata, ma senza cercare di scendere al livello del sistema criminale putiniano”. Di certo oggi in Russia non sono possibili delle “elezioni oneste, e l’esistenza di questo Stato menzognero costituisce una minaccia a tutto il mondo civilizzato”. I popoli non russi propongono dunque di “smontare totalmente” la Federazione, creando una serie di nuovi Paesi indipendenti nelle “regioni colonizzate dalla Russia”, come una possibile garanzia della pace per tutti.

Il Comitato internazionale dei popoli nativi della Russia porta la firma di Sergej Antonov del movimento “Libera Udmurtia”, di Rafis Kašalov, primo ministro del governo del Tatarstan indipendente in esilio e cofondatore del movimento “Libero Idel-Ural” che unisce le varie nazionalità della zona degli Urali, di Meretuko Kenan Kaplan, presidente del Consiglio Unito della Circassia, di Denis Ugrjumov, del movimento “Libera Ingermanlandia” dei popoli scandinavi della Russia, di Ruslan Gabbasov, guida del movimento nazionale baškiro all’estero, di Aida Abrakhmanova del Centro sociale Pan-Tataro in Svezia, di Petr Khlebovič dell’opposizione anticomunista in Polonia e copresidente della sezione orientale di “Solidarnost combattente”, e di molte altre personalità da tempo impegnate a promuovere l’autonomia di questi popoli. Attivisti, politici e studiosi che agiscono anche dal Kazakistan, dalla Bielorussia, dalla regione russa di Smolensk al confine con Polonia e Bielorussia e da varie zone della Siberia e del Caucaso.

I firmatari ricordano che “nella storia ogni popolo deve affrontare delle prove, ci sono i giorni della gioia e quelli della tristezza, e noi dobbiamo sempre onorare la memoria dei nostri avi, dei nostri eroi nazionali, che con il proprio sacrificio, rischiando e perdendo la propria vita, hanno difeso gli interessi dei popoli, delle regioni e degli Stati”. Dal poeta ucraino Taras Ševčenko a Nelson Mandela, gli esempi da seguire non mancano, in tutti i Paesi del mondo.

________________________________________________________________


COSTA PARADISO NEWS SUPERA 693.421 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 156 STATI E 1183 LOCALITÀ ITALIANE
(Google analytics 08 gennaio 2023)


_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Costa Paradiso News non è un prodotto editoriale, viene aggiornato in base al materiale ricevuto dai lettori o da pubblicazioni viste sul web.

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

Pin It

Comments are closed.