Figli: la neutralità pedagogica crea incertezza, solitudine, ansia

by • 3 gennaio 2024 • In evidenza, SOCIALECommenti disabilitati su Figli: la neutralità pedagogica crea incertezza, solitudine, ansia2187

Una generazione che si è emancipata dall’autorità dei genitori per finire soggetta alla tirannia dei coetanei. Una generazione che sta male come poche prima di lei, che non ha conosciuto la guerra ma conosce più di ogni altra l’apatia, la depressione, l’autolesionismo. Sono i nuovi adolescenti, indecifrabili – fragili e spavaldi – schiacciati dal narcisismo e della fragilità degli adulti, a loro volta eterni adolescenti.

E’ il ritratto emerso da L’educatore al bivio: legare o sciogliere, incontro che ha aperto il ciclo L’ascolto del figlio organizzato dal Pontificio Istituto Giovanni Paolo II e che ha visto andare in scena un confronto tra la pedagogista Milena Santerini, il teologo Pierangelo Sequeri e lo psichiatra Paolo Crepet.

Un invito a fare un passo oltre i luoghi comuni, in cui i principali imputati sono il ’68 e il celebre psichiatra Benjamin Spock, che hanno liberato i giovani dall’autorità dei genitori, creando però un vuoto educativo: “La neutralità pedagogica crea incertezza, solitudine, ansia” spiega Santerini: “Oggi le scelte sono sempre meno condizionate ma nella società individualista si paga la libertà con la solitudine”.

“Oggi parliamo di patriarcato e tutti si vergognano di dire che invece c’è una figliocrazia” esordisce Crepet: “Ed è davvero strana la generazione che ha contestato i propri genitori per diventare schiava dei figli”. “Non far mancare nulla a un ragazzo significa creare una generazione di fragili che a vent’anni non sanno che cosa sia la frustrazione e la sconfitta. “Siamo arrivati all’idea di togliere i voti, abbiamo messo la gommapiuma su tutti gli spigoli, creato un mondo senza cerotti”. “La cosa che più mi spaventa – continua Crepet – è il tramonto emotivo. Vogliamo anestetizzare questo mondo sofferente. Una volta ho sentito una madre gridare al bambino che giocava a calcio: corri piano che sennò sudi!”.

Anche Freud e la liberazione sessuale finiscono sotto accusa: “Ritenere che l’ossessione dell’umanità sia il sesso è ormai fuori dai tempi”. “Pensavamo che il sesso fosse una questione politica – aggiunge Sequeri – invece la politica è diventata una questione sessuale, legata al godimento e all’appagamento. Pensate alla pubblicità, che non vende prodotti ma rappresentazioni di sé che dentro la simbolica del godimento sessuale fanno crescere il senso di impotenza e morire anche l’intimità coniugale, che diventa una merce buona per tutto”.

Anche la Chiesa, spiega il direttore della Cattedra Gaudium et Spes, ha le sue responsabilità: “Quando parliamo di matrimonio siamo ancora inchiodati ai fidanzatini di Peynet. La teologia della famiglia non è diventata una teologia della società. Dobbiamo smettere di essere ossessionati dalla coppia, perché se la consideriamo l’unica cosa importante, tutti gli altri rapporti cercheranno di avvicinarsi lì, a cominciare dell’amicizia”. Sequeri ne ha anche per il politicamente corretto “che produce regole senza senso sperando che cresca un senso senza regole”.

“Dovremmo riuscire a non leggere la sessualità come codice dei rapporti sociali e allo stesso tempo non rinunciare ad essa – osserva Santerini – non sessualizzare l’educazione insegnando però ai ragazzi a usare il corpo”.

“Il primo femminismo sessantottino voleva fare giustizia dell’oppressione e del patriarcato – replica Sequeri – il secondo femminismo ha cercato di far valere il corpo e la sua differenza. Il femminismo di oggi non è più nemmeno femminile, perché il corpo è diventata un’appendice plasmabile a seconda di cosa la mente decida di essere”.

“L’intelligenza artificiale – conclude Crepet – proporrà un utero perfetto, la musica perfetta, la temperatura perfetta per una gravidanza, cercherà di programmare l’assenza di frustrazione. Ma ci piace davvero che un figlio nasca in questa assoluta perfezione? Io penso che perda l’incanto”.

________________________________________________________________


COSTA PARADISO NEWS SUPERA 693.421 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 156 STATI E 1183 LOCALITÀ ITALIANE
(Google analytics 08 gennaio 2023)


_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Costa Paradiso News non è un prodotto editoriale, viene aggiornato in base al materiale ricevuto dai lettori o da pubblicazioni viste sul web.

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

Pin It

Comments are closed.