Golfo Persico tiene alti i prezzi del petrolio

by • 11 agosto 2023 • ECONOMIA, ESTERI, In evidenzaCommenti disabilitati su Golfo Persico tiene alti i prezzi del petrolio140

Il prezzo del petrolio è risalito sopra 80 dollari al barile, un brutto colpo per l’Occidente.

Per tre volte in tre mesi è intervenuta l’OPEC, tra aprile e luglio, il taglio di 3 milioni di barili di petrolio al giorno, di cui la gran parte a carico dei sauditi.

Il cartello “OPEC” stima per l’anno prossimo una domanda in crescita del 2,2% rispetto al 2023. Anche questo ottimismo sta contribuendo a scaldare i prezzi. Tuttavia, la storia è quasi tutta legata ai tagli dell’offerta. Riad non ha intenzione di rinunciare agli enormi profitti generati dal caro barile sin dall’anno scorso. E il resto del Golfo Persico concorda dopo avere vissuto anni di magre entrate fiscali a causa dei prezzi sottotono sui mercati internazionali. C’è anche da dire che il rialzo dei prezzi del petrolio è parzialmente dovuto all’indebolimento del dollaro, che sul mercato forex perde terreno contro le principali valute mondiali.
Le prospettive non sembrerebbero esaltanti per paesi importatori come l’Italia. Già con la modalità servito un litro di benzina è arrivata in alcuni casi a 2 euro. Di questo passo le principali banche centrali faticheranno più del previsto per centrare la stabilità dei prezzi. Per fortuna ciò che l’OPEC toglie con una mano, con l’altra può dare. Un eventuale indebolimento della congiuntura mondiale richiederebbe verosimilmente ulteriori sforzi al cartello. Il punto è che nessuno degli stati membri sembra intenzionato o nelle condizioni di compierli.

OPEC disunito al suo interno
L’OPEC è tutt’altro che unito. E’ composto da paesi tra loro persino nemici, come l’Arabia Saudita e l’Iran. Pur di giungere all’obiettivo di sostenere le quotazioni internazionali, il regno si è addossato gran parte dei tagli annunciati nei mesi scorsi, limitandosi ad ottenere dagli alleati il tetto invariato alle rispettive quote di produzione. Ma le tensioni con gli Emirati Arabi Uniti stanno montando da mesi. I due paesi, sino ad ora ferrei alleati nel Medio Oriente, quasi non si parlano più. Si sono moltiplicati i conflitti per interessi contrastanti nell’area. E gli Emirati Arabi puntano ad aumentare la loro offerta a 4 milioni di barili al giorno dai 2,8 milioni attuali. Tra l’altro, posseggono una capacità massima estrattiva di 5 milioni di barili al giorno.

C’è grande frustrazione ad Abu Dhabi, perché minori estrazioni equivalgono a decine, se non centinaia di miliardi di dollari di minori ricavi. Negli altri paesi non va certo meglio. Tra i principali produttori troviamo l’Iraq con 4 milioni di barili al giorno e una necessità impellente di aumentare le riserve valutarie, onde evitare una crisi della bilancia dei pagamenti. Non può certo permettersi di tagliare la propria offerta l’Iran, salita di recente a 2,5 milioni di barili al giorno dopo anni di embargo dell’Occidente. Inaffidabile la Libia, dove gli scontri interni non rendono possibile una programmazione attendibile della produzione. E nell’OPEC c’è anche il Venezuela, già a livelli di estrazione inferiori alla sussistenza.

Improbabili nuovi tagli offerta petrolio
Per farla breve, se occorressero nuovi tagli all’offerta, dovrebbero accollarseli ancora una volta solamente i sauditi. E non è detto che funzionerebbero. La stessa Russia, che collabora con l’OPEC dall’esterno, inizia a risentire del calo delle entrate e per questo sta indebolendo il cambio, con tutto ciò che comporta in termini di stabilità dei prezzi e finanziaria interna.

Lo stesso regno sta patendo un po’ troppo dei tagli, perché ciò che guadagna con la risalita dei prezzi sta risultando inferiore a ciò che perde in termini di ricavi per la minore produzione. Sceso sotto quota 10 milioni, poco prima della pandemia aveva aumentato le sue estrazioni fino a 12 milioni di barili al giorno, vicino ai massimi della propria capacità.
C’è anche il rischio per il regno che gli alleati ne approfittino per aumentare le rispettive quote di produzione per cercare di ricavare di più ai prezzi tenuti alti dai sauditi. Il cartello è intrinsecamente instabile per questa ragione. E questo fa sperare in positivo chi è costretto ad importare petrolio per soddisfare il proprio fabbisogno energetico.

________________________________________________________________


COSTA PARADISO NEWS SUPERA 693.421 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 156 STATI E 1183 LOCALITÀ ITALIANE
(Google analytics 08 gennaio 2023)


_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Costa Paradiso News non è un prodotto editoriale, viene aggiornato in base al materiale ricevuto dai lettori o da pubblicazioni viste sul web.

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

Pin It

Comments are closed.