I russi contro gli orrori della guerra

by • 9 ottobre 2022 • ESTERICommenti disabilitati su I russi contro gli orrori della guerra59

La stagione estiva in Russia ha mostrato un fenomeno significativo: il grande incremento dei lunghi pellegrinaggi verso i santuari del Paese. Lo rivela un’inchiesta di Moskovskij Komsomolets. Era già emerso con la pandemia, e lo stesso accade con l’aggressione all’Ucraina. Molti russi cercano il conforto dei santi e delle sacre icone, insieme alla benedizione dei monaci e degli “starets” (mistici) in luoghi sacri spesso assai lontani.

L’impossibilità di recarsi all’estero per le vacanze ha contribuito a incrementare il turismo interno nelle zone degli storici monumenti civili ed ecclesiastici, e i santuari sono le mete più ricercate. Durante i mesi estivi i grandi pellegrinaggi dei fedeli ortodossi sono almeno una ventina, e attorno a essi si crea una comunità di fedeli e persone alla ricerca di conforto e significato nelle tragiche vicende attuali.

Il più grandioso e solenne dei pellegrinaggi è quello che si svolge da San Pietroburgo a Ekaterinburg, detto il “Romanovskij Khod” (il Sentiero dei Romanov), 3.500 chilometri a piedi nel corso di tre mesi e mezzo, in un flusso ininterrotto tra maggio e luglio fino al luogo del martirio del santo zar Nicola II “strastoterpets” (colui che ha sofferto la passione) e dei membri della famiglia imperiale. I fedeli si radunano in questo bosco degli Urali fino all’inizio delle nevicate autunnali, e proprio nei tempi del Covid qui si concentravano coloro che non volevano sottomettersi alle regole di isolamento e distanziamento.

La conclusione ufficiale della stagione dei cortei religiosi è la festa di San Sergij di Radonež dell’8 di ottobre, nella Lavra di Sergiev-Posad a 70 km da Mosca. È il “Vaticano russo”, in cui si ricorda la rinascita del monachesimo nel XV secolo, con la vittoria sui tartari e la stagione della grande iconografia russa di Andrej Rublev e degli altri discepoli di Sergij. Il vero pellegrinaggio, secondo antiche tradizioni russe, prevede la partecipazione più ampia possibile del popolo, e perfino ai tempi sovietici la gente si radunava nonostante le proibizioni ufficiali, quando i pellegrinaggi erano considerate “manifestazioni illegali”.

Il raduno più numeroso dei “krestokhodtsy” (portatori della croce) è stato quest’anno il cammino del “Velikorektsij” (grande fiume) da Kirov, lungo il fiume Vjatka, grande affluente del Volga, fino al luogo del ritrovamento dell’icona miracolosa di San Nicola nel villaggio di Velikoretskoe. Le celebrazioni solenni dell’8 giugno hanno radunato circa 25mila persone, che hanno camminato una settimana intera, e fino a ottobre i pellegrini si sono avvicendati per chiedere l’intercessione del santo più amato dai russi.

Uno dei pellegrinaggi più “istruttivi”, il cosiddetto Irinarkhovskij Khod nella regione di Jaroslavl, propone come regola aurea il senso di “un cammino necessario per soffrire, sperimentare le ristrettezze e le prove della vita, per il bene della propria anima”. Molti pellegrini hanno raccontato di aver aderito a questo programma spinti dalla compassione per chi soffre a causa della guerra, sia tra gli aggrediti sia tra i patrioti e i mobilitati e le loro famiglie, non sapendo come altro ritrovare la pace a livello interiore.

Il pellegrinaggio unisce i sentimenti del “cristianesimo militante”, raffigurando la parata dell’Armata Celeste, con l’umiliazione del cammino dei penitenti: in entrambi i casi viene ritenuto come l’unica possibile via per la redenzione. Molti pellegrini indossano i “verigi”, gli scomodissimi stivali metallici di Sant’Irinarkh all’inizio del ‘600, che ricordano anche le armature dei soldati nel fango, cercando di astenersi dal fumo e dagli alcolici e ascoltare le monizioni dei santi monaci che invitano a confidare soltanto in Dio, e non nei piani degli uomini: “È Lui che ti conduce alla vera meta del pellegrinaggio della vita”.

________________________________________________________________


COSTA PARADISO NEWS SUPERA 651.308 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 152 STATI E 1158 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 02 gennaio 2022)
_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Costa Paradiso News non è un prodotto editoriale, viene aggiornato in base al materiale ricevuto dai lettori o da pubblicazioni viste sul web.

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.