Il caso Wirecard imbarazza la Germania

by • 6 luglio 2020 • ECONOMIA, In evidenzaCommenti disabilitati su Il caso Wirecard imbarazza la Germania210

Chi avesse ancora dubbi al riguardo sarebbe bene che si ricordasse che nel giro di meno di 5 anni abbiamo assistito allo scandalo delle emissioni inquinanti di Volkswagen, ai magheggi contabili mal riusciti di Deutsche Bank con annesse vere truffe ai danni del mercato e sanzionate dalle autorità, mentre è di questi giorni il caso Wirecard, con 1,9 miliardi di euro “spariti” nel nulla, anzi non sarebbero mai esistiti, come hanno lasciato intendere i manager della società dei pagamenti elettronici. Cosa hanno in comune questi fatti? Sono tutti “made in Deutschland”.

Wirecard equivale al caso Parmalat o a quello dell’americana Enron di inizio millennio. Quante recriminazioni ai danni del sistema finanziario e dei controlli italiano e quante volte dal Nord Europa ci hanno puntato il dito, come per dire che siamo pur sempre quelli dell’“italian job”? Ma i casi di vera truffa si moltiplicano nel cuore di questa Europa bacchettona dalle analisi a senso unico, perché stavolta la Germania l’ha fatta grossa. Non solo una società avrebbe gonfiato i bilanci per anni con ricavi fasulli contabilizzati in Asia, ma governo e autorità di controllo l’avevano difesa contro gli attacchi dall’estero.

Un anno fa, il Financial Times aveva acceso i fari sui presunti falsi in bilancio di Wirecard e per tutta risposta la BaFin, la Consob tedesca, aprì un’indagine a carico del quotidiano per “manipolazione del mercato” e non della società accusata. Quasi un anno e mezzo dopo, i controllori tedeschi sono costretti ad ammettere di avere preso lucciole per lanterne. Il caso arriva in un momento delicato per la credibilità del sistema teutonico, con la compagnia aerea Lufthansa che rischia di restare per sempre a terra.

________________________________________________________________

schermata-2016-10-01-alle-19-19-06
COSTA PARADISO NEWS SUPERA 544.000 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 142 STATI E 1031 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 18 gennaio 2020)
_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Costa Paradiso News non è un prodotto editoriale, viene aggiornato in base al materiale ricevuto dai lettori o da pubblicazioni viste sul web.

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.