Il sindacato entra in Amazon

by • 21 aprile 2022 • ESTERI, In evidenzaCommenti disabilitati su Il sindacato entra in Amazon45

Un fatto storico segna la fine di una lunga era in Amazon. Qualche giorno fa, 2.654 lavoratori hanno detto sì alla formazione della prima organizzazione sindacale. Ad opporvisi sono stati 2.131. La votazione è avvenuta nel magazzino di JFK8 di Staten Island a New York. Nasce così Amazon Labour Union (ALU) di Christian Smalls, un ex lavoratore del colosso americano. La sua battaglia è durata due anni, da quando con la pandemia decise di protestare fuori dallo stabilimento contro le condizioni dei lavoratori sotto il Covid. L’azienda lo licenziò in tronco, ufficialmente per avere infranto le norme sanitarie. Ma in tanti ritennero che quel licenziamento fu dovuto proprio alla protesta.

Senonché Smalls non si perse d’animo e da quel giorno iniziò a organizzare incontri e barbecue con i suoi ex colleghi, aspettandoli costantemente anche alla fermata del bus per convincerli a votare a favore della nascita del sindacato. I manager di Amazon hanno speso nel frattempo 4,3 milioni di dollari per dare vita a una campagna contro la sindacalizzazione dei loro lavoratori. L’azienda alla fine ha ceduto sulla votazione, ma si aspettava un altro successo dopo quello riscosso un anno fa nel magazzino di Bessemer, in Alabama.

Solo che stavolta le cose sono andate diversamente. Smalls non era legato ad alcuna organizzazione sindacale, la sua è stata una battaglia indipendente, diversamente da quella fallita del sindacato RWDSU, che rappresenta i lavoratori del commercio. Sarebbero già una cinquantina in una dozzina di stati americani i magazzini Amazon in contatto con ALU per chiedere votazioni anche da loro. Jeff Bezos, l’uomo più ricco del mondo, riporta forse la sua più grande sconfitta in 27 anni di storia della società.

________________________________________________________________


COSTA PARADISO NEWS SUPERA 651.308 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 152 STATI E 1158 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 02 gennaio 2022)
_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Costa Paradiso News non è un prodotto editoriale, viene aggiornato in base al materiale ricevuto dai lettori o da pubblicazioni viste sul web.

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.