La sindrome di alienazione genitoriale

by • 10 aprile 2022 • In evidenza, SOCIALECommenti disabilitati su La sindrome di alienazione genitoriale138

Figli utilizzati come bottino di guerra durante le separazioni di genitori, che li strumentalizzano per “punire” l’ex coniuge, come arma di ricatto o di vendetta. Battaglie infinite ed estenuanti fatte di paura e di violenza sottaciuta, nel timore di vedersi strappare via i propri figli, troppe volte affidati ai servizi sociali, come conseguenza della scelta sofferta di raccontare l’inferno subito in famiglia da parte del partner.

C’è un aspetto da evidenziare ed è quello relativo al fatto che al di là dell’esistenza o meno della Pas da un punto di vista scientifico, purtroppo esistono conflitti che emergono prepotentemente in sede di separazione o divorzio e sono volti ad ostacolare una continuità del rapporto tra genitore e il figlio da parte dell’ex partner. Condotte che hanno delle conseguenze sul piano giuridico e che sono punibili come reati. E’ quanto sancito dall’art. 388 del codice penale, verso il genitore che ostacola il rapporto con l’altro.

Un comportamento spesso strumentalizzato e spacciato per Pas, la sindrome di alienazione parentale, un costrutto “pseudo-scientifico”, così come è stato definito nei giorni scorsi dalla Cassazione con l’ordinanza numero 9691/2022 in una sentenza storica, che mette al bando questo fenomeno e pone al centro l’interesse del minore, considerandolo prioritario anche rispetto al diritto alla bigenitorialità. Una rivoluzione nei confronti di un fenomeno che, però, non va classificato, come spesso erroneamente accade, esclusivamente “di genere”, in cui vittima è solo la donna, perché più volte si è verificato anche a danno dei padri.

Ma che cos’è la sindrome da alienazione parentale, detta anche PAS? Il primo a parlarne degli anni ’80 fu lo psichiatra Richard Gardner, che la definiva come una “dinamica psicologica disfunzionale”, che si sviluppa nei figli contesi nelle separazioni e costretti a vivere i conflitti che nascono tra i genitori. All’interno della coppia in crisi identifica il genitore “alienante”, che solitamente è quello che lo ha in custodia il figlio, con colui o colei che tenta di screditare agli occhi del bambino l’altro genitore, definito “alienato”. Un comportamento che spinge così il minore ad allontanarsi dalla figura paterna o materna. Una teoria, quella di Gardner, che di fatto non è stata mai trattata nel Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DMS-5) e sin da subito attaccata da molti suoi colleghi, sia nel mondo scientifico che accademico, in quanto considerata priva di fondamento.

Nell’ordinanza della Cassazione 9691/2022 si legge, infatti, che «il richiamo alla sindrome d’alienazione parentale e ad ogni suo, più o meno evidente, anche inconsapevole, corollario, non può dirsi legittimo, costituendo il fondamento pseudoscientifico di provvedimenti gravemente incisivi sulla vita dei minori, in ordine alla decadenza dalla responsabilità genitoriale».
Sempre la Cassazione aveva messo più volte in discussione in passato la validità scientifica della Pas come nelle sentenze 7041 del 2013 e 13274 del 2019, nelle quali escludeva “la possibilità in ambito giudiziario di adottare soluzioni prive di confronto scientifico e potenzialmente produttive di danni ancora più gravi di quelli che intendono scongiurare”. E ancora stigmatizzava il comportamento dei giudici che si affidano alle consulenze tecniche per disporre l’affido esclusivo, senza valutare realmente la condotta della madre. Bandiva, insomma, l’affido esclusivo qualora questo fosse fondato solo sulla diagnosi di sindrome di alienazione parentale.

________________________________________________________________


COSTA PARADISO NEWS SUPERA 651.308 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 152 STATI E 1158 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 02 gennaio 2022)
_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Costa Paradiso News non è un prodotto editoriale, viene aggiornato in base al materiale ricevuto dai lettori o da pubblicazioni viste sul web.

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.