L’Arabia Saudita vuole sganciarsi dal petrolio

by • 25 febbraio 2021 • ESTERI, In evidenzaCommenti disabilitati su L’Arabia Saudita vuole sganciarsi dal petrolio111

Il ministro per gli Investimenti, Khalid al-Falih, ha reso noto che a partire dal 2024 non sarà più possibile per le società straniere che abbiano sede in uno degli stati della regione del Golfo Persico stringere accordi con l’Arabia Saudita. La norma riguarderà tutte le società che puntano a siglare contratti sottoposti al vaglio dal Ministero delle Finanze, ma non riguarderà quelle quotate in borsa, fossero anche controllate dallo stato. Secondo il ministro, l’obiettivo sarebbe di eliminare le “perdite economiche” e far sì che le società che vogliano fare affari con il regno vi trasferiscano almeno la sede.

L’annuncio arriva un mese dopo la riunione annuale di Davos, per la prima volta in videoconferenza a causa del Covid, durante il quale ben 24 colossi internazionali hanno dichiarato che intendono spostare la loro sede regionale nell’Arabia Saudita, tra cui Deloitte, Bechtel e PepsiCo. Sempre il ministro ha escluso che la misura sia mirata a contrastare la leadership commerciale degli Emirati Arabi Uniti, stretto alleato di Riad. Ma è evidente che sia così.

Dopo la crisi del petrolio seguita al picco toccato nel 2014, Riad è diventata consapevole che non potrà confidare ancora a lungo ed eccessivamente su questo settore. La disoccupazione nel paese è al 15% e solo il settore privato potrà creare posti di lavoro per farla diminuire. L’apertura alle libertà civili è legata proprio alla necessità del regno di incentivare uomini e donne a lavorare, contemporaneamente tagliando loro i sussidi con cui per decenni è stata garantita a tutti una vita quasi gratis grazie ai proventi petroliferi. La quotazione di Aramco in borsa era servita poco più di un anno fa proprio a segnalare la svolta, rendendo la compagnia petrolifera statale sempre meno la gallina dalle uova d’oro a cui attingere per mantenere i sudditi e sempre più una realtà privata gestita secondo criteri puramente aziendali.

________________________________________________________________


COSTA PARADISO NEWS SUPERA 605.898 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 152 STATI E 1123 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 04 gennaio 2021)
_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Costa Paradiso News non è un prodotto editoriale, viene aggiornato in base al materiale ricevuto dai lettori o da pubblicazioni viste sul web.

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.