L’inflazione rischia di creare una crisi profonda

by • 16 novembre 2022 • ECONOMIA, In evidenzaCommenti disabilitati su L’inflazione rischia di creare una crisi profonda39

Le grandi banche centrali con in testa la Federal Reserve e poi, a traino, la Banca centrale europea si sono ormai completamente messe nelle mani ai falchi dei rispettivi consigli, con una sfilza di maxi rialzi dei tassi d’interesse. E, per quanto riguarda la Bce, con buona pace dei buoni propositi iniziali di un «restringimento graduale» della politica monetaria. Dopodomani, mercoledì, la Fed deciderà molto probabilmente il quarto rialzo consecutivo dei tassi di interesse da tre quarti di punto, portandoli nella forchetta 3,75%-4%. Una scelta resa ancor più probabile da un livello dei prezzi che si mantiene ai massimi da 40 anni (all’8,2%). Ma i tassi che salgono aumentano il rischio di portare l’economia in recessione. Questo il capo della Fed, Jerome Powell, ovviamente lo sa, ma ritiene prioritario spegnere l’inflazione, costi quel che costi, dopo averla erroneamente ritenuta un fenomeno transitorio solo un anno prima. Tra gli analisti, c’è chi è preoccupato da un’ascesa dei tassi troppo aggressiva: infatti, i rialzi dei tassi solitamente ci mettono tra i 12 e i 18 mesi per riversare a pieno i loro effetti. E se l’economia Usa, che è rimbalzata nel terzo trimestre al +2,6% dopo due trimestri negativi, nel 2022 ha perso smalto, di quanto potrebbe frenare con gli aumenti dei tassi già fatti? Nelle sale operative c’è una corrente di pensiero crescente che ritiene sia meglio un restringimento monetario più graduale, per evitare di innescare una recessione più lunga e profonda, andando a distruggere la domanda quando da un anno e mezzo il problema è principalmente nell’offerta scarsa di prodotti.

La Bce di Christine Lagarde non sta facendo diversamente, nella riunione del 27 ottobre ha varato un nuovo aumento dei tassi di tre quarti di punto. E ora, il 15 dicembre, con i dati dell’inflazione alle stelle (l’11,9% in Italia a ottobre) quasi certamente proseguirà nella decisione di aumentare i tassi in una forchetta tra il mezzo e i tre quarti di punto. Lagarde è determinata, solo un paio di giorni di fa ha dichiarato che «il nostro mandato è sconfiggere l’inflazione ed è per questo che dobbiamo alzare i tassi». Il problema è che in Europa, a differenza degli Stati Uniti, la crescita dei prezzi è dovuta in larga prevalenza dai costi dell’energia e non da un’economia che corre troppo velocemente. L’economia dell’Eurozona, e dell’Italia già ora sta rallentando di molto e balla sul filo della recessione nel 2023, secondo le stime dell’Fmi. E quando i rialzi dei tassi in serie dispiegheranno i loro effetti, rallenterà ancora di più senza risolvere il problema della carenza di gas, che è la ragione delle bollette alle stelle. Non vale la pena, allora, seguire un percorso più graduale? Spegnere l’inflazione è giusto e sacrosanto, ma senza le industrie si rischia di desertificare l’Occidente.

________________________________________________________________


COSTA PARADISO NEWS SUPERA 651.308 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 152 STATI E 1158 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 02 gennaio 2022)
_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Costa Paradiso News non è un prodotto editoriale, viene aggiornato in base al materiale ricevuto dai lettori o da pubblicazioni viste sul web.

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.