Lo “Stato di diritto” va approfondito

by • 1 febbraio 2023 • In evidenza, SOCIALECommenti disabilitati su Lo “Stato di diritto” va approfondito32

Il concetto di “Stato di diritto” nasce alla fine dell’ “ancien régime”, ovvero con la Rivoluzione francese (1789-1799) e l’affermarsi della classe borghese e dei suoi valori, sebbene se ne possano vedere i prodromi nella costituzione inglese del XVII secolo e nei suoi documenti “Bill of rights”, “Habeas corpus”, “Act of Settlement” e nella Rivoluzione americana.

Il concetto che si affermò allora si può riassumere nel fatto della supremazia della legge. La separazione dei poteri, il principio di legalità e della certezza del diritto, il divieto di arbitrarietà del potere esecutivo e la tutela giurisdizionale sono corollari della supremazia della legge. La legge, ovvero l’emanazione di norme giuridiche generali ed astratte da parte degli organi a ciò deputati, i parlamenti – completamente diversi dai parlamenti dell’ “ancien règime”, organi per lo più di carattere giurisdizionale –, obbliga tutti al suo rispetto, anche lo Stato. In poche parole, solo ciò che è legge è legale, quindi è buono e giusto. Questo, in un certo senso segna la fine del diritto naturale. Con le conseguenze che tutti abbiamo sotto gli occhi: penso, tra le tante, alla “legge” 194 del 1978, che ha introdotto nel nostro ordinamento il “diritto” all’aborto, e che è stata giustamente condannata da diversi pontefici, a cominciare da san Paolo VI, allora regnante, e poi da tutti gli altri papi, San Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco. “Rifiutando il diritto naturale, e attribuendo allo Stato la creazione di ogni diritto, il positivismo nasce come nuova forma di immanentismo”, scrive il filosofo del diritto José Pedro Galvão de Sousa (1912-1992) (José Pedro Galvão de Sousa, “La rappresentanza come valore simbolico che manifesta un ordine trascendente”, in “Cristianità” numero 212-1992). Immanentismo di carattere gnostico, come diagnosticato dal filosofo Eric Voegelin (1901-1985).

A principiare dalla “Rivoluzione francese”, la sovranità appartiene, quindi, ad un unico ente, lo Stato, realtà impersonale e accentratrice, che non tollera corpi intermedi tra sé e i cittadini, ridotti a mere entità isolate in sua balìa. È significativo che una delle prime leggi emanate all’inizio della Rivoluzione francese sia stata la legge detta “Le Chapelier” dal suo promotore, promulgata dall’Assemblea costituente il 14 giugno 1791, che abolì le organizzazioni di mestiere, innanzitutto le corporazioni, il “compagnonnage”, ovvero l’organismo che riuniva gli antichi mestieri, ma anche le prime forme di sindacato e finanche il diritto di sciopero. Sottolinea in proposito Galvão de Sousa come la concezione moderna dello Stato di diritto abbia “un punto di partenza inaccettabile” perché “ammette il falso presupposto sociologico della società come aggregazione inorganica di individui. Fa di ogni cittadino un Robinson Crusoe e, di conseguenza, prescinde dai corpi intermedi nella strutturazione del sistema, in questo modo preparando lo Stato di massa” (José Pedro Galvão de Sousa, ibidem).

Come sostiene sempre Galvão de Sousa, la sopravvalutazione del potere dello Stato ha la sua genesi nella rottura del pensiero moderno con il trascendente, che si manifestò con Nicolò Machiavelli (1469-1527) e con Thomas Hobbes (1588-1679; di quest’ultimo è il concetto di Leviatano). “Nello stesso tempo in cui l’ordine della società veniva svincolato in questo modo dalla sua subordinazione a un ordine trascendente, si operava la sopravvalutazione del potere dello Stato, a partire dal concetto di sovranità formulato da Jean Bodin (1530-1596)” (José Pedro Galvão de Sousa, ibidem). Di lì si passa alla deificazione del popolo, con Jean-Jacques Rousseau (1712-1778), della Nazione, da parte dei giacobini, dello Stato, da parte di Geor Wilhelm Friedrich Hegel (1770-1831) e dei moderni totalitarismi comunisti, nazionalsocialisti e fascisti.

Venendo ai tempi odierni, vorrei ricordare come in nome dello “Stato di diritto” i moderni organismi sovranazionali, come l’Ue, fondati sulla medesima concezione atomistica sopra delineata, vogliano imporre questa concezione a Stati come la Polonia e l’Ungheria, nei quali, invece, i cittadini rivendicano la propria identità non solo come individui singoli, ma come appartenenti a gruppi intermedi quali la famiglia, la comunità e la nazione; Paesi tacciati di “democrazie illiberali”, perché, ad esempio, rivendicano la loro autonomia in campi importanti quali la tutela del diritto alla vita o la regolamentazione dell’immigrazione. E ciò fanno per mezzo di un ricatto economico, condizionando i fondi del Next Generation Eu all’adeguamento di questi Paesi ai parametri della “democrazia liberale” altrove vigente. Un bel esempio di democrazia.

In conclusione, il concetto di Stato di diritto va approfondito, anche onde evitare che esso venga usato impropriamente da coloro che in realtà, per la loro formazione culturale e politica, ne sono, forse inavvertitamente, distanti.

________________________________________________________________


COSTA PARADISO NEWS SUPERA 693.421 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 156 STATI E 1183 LOCALITÀ ITALIANE
(Google analytics 08 gennaio 2023)


_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Costa Paradiso News non è un prodotto editoriale, viene aggiornato in base al materiale ricevuto dai lettori o da pubblicazioni viste sul web.

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

Pin It

Comments are closed.