lo stato italiano spreca 200 miliardi all’anno

by • 14 giugno 2020 • ECONOMIA, In evidenzaCommenti disabilitati su lo stato italiano spreca 200 miliardi all’anno148

Uno studio pubblicato in questi giorni dalla Cgia di Mestre pone l’accento sulle grosse inefficienze della Pubblica Amministrazione e che peserebbero per ben 200 miliardi di euro all’anno, il doppio del dato sull’evasione. Per quanto i numeri, si legge, non godano di “rigore scientifico”, il quadro che ne emerge resta allarmante. La sola burocrazia sprecherebbe 57 miliardi, altri 53 arrivano dalla voce “debiti commerciali della P.A.”, le infrastrutture pesano per 40, la giustizia per altri 40, la spesa pubblica per 24, la sanità per 23,5 e il trasporto pubblico locale per 12,5.

Non esiste stato senza inefficienze, ma certo che questi numeri ci pongono di fronte a un vero colabrodo amministrativo, che depreda i contribuenti italiani e deprime la nostra economia.
Se anche solo dimezzassimo tali sprechi, ci sarebbero a disposizione 100 miliardi di euro in più, sufficienti a tendere al pareggio di bilancio e a introdurre la “flat tax” al 15% nella versione più estesa e costosa sinora teorizzata (quasi 60 miliardi). E se li eliminassimo del tutto, avremmo anche la possibilità di azzerare l’IRAP, dimezzare le accise, le imposte sugli immobili e l’IRES. E resterebbe ancora qualche spicciolo. Non solo: i governi avrebbero l’autorevolezza morale di combattere gli evasori fiscali e da questo canale arriverebbe gettito extra per eventualmente sostenere una spesa pubblica di maggiore qualità (ad esempio, più investimenti e meno sussidi a pioggia). Senza considerare gli effetti espansivi sull’economia derivanti da questi tagli alle imposte.

Esistono varie forme/cause di evasione fiscale. C’è quella di necessità, che si annida tra le piccole e micro-imprese, dettata dal bisogno: l’imprenditore non dichiara quanto fattura e il lavoratore nasconde il reddito percepito, altrimenti il primo non avrebbe come pagare le tasse e chiuderebbe battenti e il secondo non arriverebbe a fine mese. C’è chi evade indispettito dalle alte aliquote e che si ritiene in diritto di ritagliarsi un reddito maggiore di quello che le norme fiscali gli consentirebbero di trattenere, notando sprechi e inefficienze pubbliche. Infine, c’è l’evasione come “forma mentis”, cioè di quanti potrebbero pagare il dovuto, non sono interessati a disquisizioni sul rapporto tra efficienza pubblica e carico fiscale, ma si mostrano semplicemente allergici alle regole.

Come combattere davvero l’evasione fiscale
Ora, l’evasione fiscale è sempre sbagliata sul piano del diritto, ma su quello economico la si combatte su due fronti: ampliando l’area del benessere, così da fare emergere dallo stato di bisogno quanti più attori possibili; abbassando le imposte per disincentivare le dichiarazioni infedeli e ampliare la base imponibile, sostenendo i redditi, gli investimenti, la produzione e i consumi.

________________________________________________________________

schermata-2016-10-01-alle-19-19-06
COSTA PARADISO NEWS SUPERA 544.000 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 142 STATI E 1031 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 18 gennaio 2020)
_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Costa Paradiso News non è un prodotto editoriale, viene aggiornato in base al materiale ricevuto dai lettori o da pubblicazioni viste sul web.

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.