L’Ue non può cedere al ricatto di Orban

by • 28 novembre 2020 • ECONOMIA, In evidenzaCommenti disabilitati su L’Ue non può cedere al ricatto di Orban176

George Soros definisce il veto posto da Ungheria e Polonia alla proposta dell’Ue sul Recovery Fund come la “mossa disperata di due trasgressori seriali”. Laddove i due sono Viktor Orban, primo ministro ungherese, terra d’origine del tycoon, e Jaroslaw Kaczynski, governante polacco de facto. In un intervento pubblicato dal Sole 24 Ore, il magnate della finanza sottolinea che, “sebbene i due paesi siano i maggiori beneficiari di questi fondi, i loro governi si oppongono alla condizionalità sul rispetto dello stato di diritto che l’Ue ha adottato su richiesta del Parlamento europeo. Consapevoli di violare lo stato di diritto in modo eclatante, non vogliono pagarne le conseguenze”.

Soros dedica gran parte del suo intervento all’Ungheria di Viktor Orban e alle modalità con cui il primo ministro ha “creato un sofisticato sistema cleptocratico con lo scopo di sottrarre risorse al paese”. Ricordando che a Budapest il leader politico sta “sfruttando la nuova ondata di Covid-19 per modificare la costituzione ungherese e (ancora una volta) la legge elettorale, così da consolidare la sua posizione di premier a vita”.

“Per loro, lo stato di diritto rappresenta un limite alla corruzione personale e politica” prosegue Soros, che individua un modo per aggirare il veto di Ungheria e Polonia, a cui si è aggiunta la Slovenia. “Il fondo per la ripresa, chiamato Next Generation Eu potrebbe essere attuato ricorrendo a una procedura di cooperazione rafforzata”.

Secondo Soros, “solo l’Ue può aiutare l’Ungheria”, Bruxelles “non può permettersi di scendere a compromessi sullo stato di diritto. La sua risposta alla sfida di Orban e Kaczynski, conclude, sarà decisiva per la sua sopravvivenza come società aperta fedele ai valori su cui è fondata”.

________________________________________________________________


COSTA PARADISO NEWS SUPERA 544.000 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 142 STATI E 1031 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 18 gennaio 2020)
_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Costa Paradiso News non è un prodotto editoriale, viene aggiornato in base al materiale ricevuto dai lettori o da pubblicazioni viste sul web.

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.