Reddito cittadinanza: serve una profonda revisione

by • 14 febbraio 2020 • In evidenza, SOCIALECommenti disabilitati su Reddito cittadinanza: serve una profonda revisione250

Ad un anno dall’entrata in vigore del reddito di cittadinanza, le polemiche non si placano. Anche il governo ammette più o meno velatamente che occorre rivedere qualcosa perché così com’è stato concepito non va bene. Alla luce dei fatti, è stato uno slogan elettorale che i contribuenti non hanno minimamente apprezzato.

Così, il premier Conte promette che sarà fatto un tagliando a breve, anche perché, di fatto, non ha prodotto quei risultati tanto attesi, ossia la possibilità di trovare lavoro. L’assunzione di centinaia di navigator a spese dello Stato per cercare di introdurre nel mondo del lavoro i beneficiari del reddito di cittadinanza ha, infatti, dato scarsi risultati.

Reddito di cittadinanza, in arrivo il primo tagliando
Secondo gli ultimi dati dell’Inps gli italiani che percepiscono il Reddito di Cittadinanza sono 915 mila mentre, a far data lo scorso dicembre, avrebbero trovato lavoro appena in 28.763 persone a fronte di assunzioni alle dipendenze del Ministero del Lavoro di oltre ai 2.900 navigator per due anni. Così, la misura di contrasto alla lotta alla povertà si è trasformata in un sussidio permanente con mantenimento a spese della collettività. In questo senso molti rimpiangono i “lavori socialmente utili” istituiti dall’ex premier Massimo D’Alema che quantomeno, a fronte di un sussidio pubblico mensile, obbligava i disoccupati e gli indigenti a prestare attività di utilità sociale presso la pubblica amministrazione.

Reddito di cittadinanza per contrastare la povertà
“Il reddito di cittadinanza, operativo da meno di un anno in Italia, per combattere la povertà penso che serva e vada mantenuto, ma migliorandone il funzionamento. In questo senso e’ sicuramente utile fare un tagliando, discutendone con gli enti locali e le realta’ del terzo settore che sul campo combattono ogni giorno la povertà’“. Lo afferma, Antonio Misiani, viceministro dell’Economia aggiungendo che “le critiche del Fondo Monetario Internazionale rispecchiano in parte il dibattito che c’e’ stato in Italia nei mesi scorsi“. Serve quindi agganciare la prestazione economica a un effettivo svolgimento di attività lavorativa perché non è pensabile che si possano sostenere costi sociali simili in un momento in cui il Paese fatica a crescere economicamente.

Italia Viva all’attacco contro il reddito di cittadinanza
A sostenerlo energicamente è anche Italia Viva in Senato che fa notare come in Italia vi siano storture e incomprensibili ingiustizie che col nuovo secolo dovrebbero essere già state superate. Le ricercatrici dello Spallanzani di Roma, alle prese con lo studio sul “coronavirus” prendono 900 euro al mese e non sono manco sicure del posto di lavoro, mentre lo Stato dà fino a 1.400 euro al mese per il reddito di cittadinanza per stare a casa fare nulla. “La nostra richiesta è chiara – dicono i senatori di Italia Viva – le somme utilizzate per il Reddito di Cittadinanza vanno destinate ad incentivi per le assunzioni, come la riduzione ulteriore del cuneo fiscale“. Un chiaro messaggio ad abolire questa forma di sussidio e a sostituirla con altri incentivi più efficaci e incisivi per stimolare la crescita economica e difendere i salari.

________________________________________________________________

schermata-2016-10-01-alle-19-19-06
COSTA PARADISO NEWS SUPERA 544.000 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 142 STATI E 1031 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 18 gennaio 2020)
_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Costa Paradiso News non è un prodotto editoriale, viene aggiornato in base al materiale ricevuto dai lettori o da pubblicazioni viste sul web.

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.