San Valentino, una festa sbagliata

by • 14 febbraio 2020 • SOCIALECommenti disabilitati su San Valentino, una festa sbagliata324

Il 14 febbraio si festeggia in tutto il mondo San Valentino, ormai da tantissimi anni tale data è da associarsi alla festa degli innamorati. Ma cosa c’è dietro questa associazione? Cosa c’entra un santo, martire cristiano giustiziato in maniera crudele tanti secoli fa? A dire il vero, quasi nulla, tanto che ancora oggi gli studiosi si interrogano sul perché di tale associazione.

San Valentino, una strana festa
E’ davvero singolare il caso di San Valentino, come quasi tutte le feste cristiane, anche questa del 14 febbraio è ispirata a festività preesistenti del mondo pagano. Per la precisione, il cristianesimo la introdusse al posto dei Lupercali, una festa romana legata alla fertilità. La Chiesa quindi decise di sostituire tale ricorrenza dedicando una giornata al vescovo e martire del terzo secolo.

Ma chi era questo Vescovo Valentino? Come anticipato, si tratta di un martire che fu prima imprigionato, e poi decapitato nel 207 dall’imperatore Claudio II il quale gli aveva imposto di convertirsi al paganesimo. Naturalmente, come tutti i martiri che la chiesa annovera tra le sue schiere, il vescovo in questione si rifiutò e venne quindi giustiziato.

Ma cosa c’entra quindi questo noto martire con gli innamorati? Questo rimane un grande mistero, ma pare che comunque la mitizzazione romantica di San Valentino sia partita ufficialmente nel medioevo, intorno al 1400, quando iniziarono a circolare sul suo conto racconti folcloristici che con la storia hanno poco o nulla a che fare. Tra questi c’era quello che asseriva che il vescovo si fosse innamorato della figlia del suo carceriere durante la sua prigionia, o anche che avesse celebrato in gran segreto il primo matrimonio tra un pagano e una cristiana. Insomma, a quanto pare, un errore storico, che ancora oggi ci portiamo dietro.

________________________________________________________________

schermata-2016-10-01-alle-19-19-06
COSTA PARADISO NEWS SUPERA 544.000 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 142 STATI E 1031 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 18 gennaio 2020)
_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Costa Paradiso News non è un prodotto editoriale, viene aggiornato in base al materiale ricevuto dai lettori o da pubblicazioni viste sul web.

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.