Scienziati russi lontani dal mondo accademico

by • 5 febbraio 2024 • ESTERI, In evidenzaCommenti disabilitati su Scienziati russi lontani dal mondo accademico1927

È uno degli aspetti meno considerati delle sanzioni, ma anche uno dei più pericolosi per l’economia nazionale. In Russia, più che la solitudine dei numeri primi, c’è proprio quella di chi i numeri li maneggia, ossia gli scienziati. Quasi due anni di guerra in Ucraina hanno provocato il loro allontanamento dal mondo accademico, con conseguenze deleterie per Mosca, anche se non immediatamente percepibili.

Una delle esclusioni più dannose è quella dagli aggiornamenti dei vari software. Se alcuni si possono acquistare sul mercato nero del web in modo contraffatti, altri sono talmente sofisticati e programmati su misura da essere pressoché insostituibili. Per intenderci, si tratta di software impiegati per rilievi scientifici ad alta precisione, come l’inquinamento dei fiumi, gli effetti del cambiamento climatico, la temperatura del suolo. Per un Paese, come la Russia, che ospita decine di ecosistemi diversi e che possiede, da sola, oltre il 50% della costa nella regione artica, non poter misurare come cambia il suo territorio non è esattamente una buona notizia, tanto più in un mondo che sta mutando climaticamente a una velocità vorticosa. Altra brutta notizia è che, sempre a causa delle sanzioni, non possono consultare i database di chi i software li può ancora utilizzare aggiornati. Secondo il ministero dell’Educazione e delle scienze i ricercatori russi, da marzo 2022 a oggi, hanno perso l’accesso al 97,5% del materiale disponibile nei vari database prima dell’inizio della guerra in Ucraina.

Fin qui si è parlato di strumenti, ma anche per quanto riguarda il capitale umano la situazione non è affatto rosea. Le missioni di scienziati e di ricercatori che prima visitavano la Federazione Russa con sostanziale regolarità sono state interrotte dopo che la maggior parte dei Paesi dell’Unione Europea e della Nato hanno interrotto i loro rapporti con Mosca. Alla decisione si sono adeguate anche università e centri di ricerca delle più svariate discipline. Questo significa momenti di confronto e scambi ridotti a zero, oltre alla difficoltà di potersi recare all’estero a causa delle difficoltà per ottenere un visto per motivi di studio. E carriere rovinate. Per molti ricercatori è infatti diventato praticamente impossibile vedere i loro lavori pubblicati su riviste scientifiche, con tutte le conseguenze del caso. Le pubblicazioni di accademici russi erano aumentate esponenzialmente dalla dissoluzione dell’Unione Sovietica e hanno perso oltre il 20% in appena un anno e mezzo. A questi, vanno aggiunti quelli che avevano vinto un concorso per poter andare a perfezionare le proprie conoscenze all’estero e che invece sono stati costretti a rimanere a casa propria.

La situazione sembra non dispiacere al Cremlino, sempre più interessato a “nazionalizzare” tutto, anche il capitale umano. Ai ricercatori russi non è rimasto altro che stringere contatti e collaborazioni con i colleghi che fanno parte dei Brics (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica) o, più in generale, con quella parte di mondo che con Mosca ha atteggiamenti di equidistanza, non di rado di indulgenza. Il tutto a scapito della qualità della ricerca scientifica.

________________________________________________________________


COSTA PARADISO NEWS SUPERA 700mila VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 160 STATI E 1200 LOCALITÀ ITALIANE
(Google analytics 02 gennaio 2024)


_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Costa Paradiso News non è un prodotto editoriale, viene aggiornato in base al materiale ricevuto dai lettori o da pubblicazioni viste sul web.

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

Pin It

Comments are closed.