Tim e l’Opa di Kkr spiegata bene

by • 3 dicembre 2021 • ECONOMIA, In evidenzaCommenti disabilitati su Tim e l’Opa di Kkr spiegata bene390

L’interesse del fondo Usa Kkr, l’ostilità dell’azionista forte Vivendi, il debito societario, il ruolo del governo italiano, i ricavi di settore in crisi. Facciamo chiarezza sulla partita in corso dentro e intorno a Tim.

L’interesse del fondo Usa Kkr ha fatto esplodere le azioni TIM a Piazza Affari dai 35 centesimi di euro ai 46 centesimi, ma pur sempre sotto i 50,50 centesimi proposti da Kkr con l’OPA totalitaria “amichevole” finalizzata al delisting. Il fondo americano valorizza così la compagnia telefonica 11 miliardi di euro, molti di più dei 7,55 miliardi a cui capitalizzava fino a un paio di sedute fa. Il governo si è trincerato dietro il silenzio, avendo reagito al lancio dell’offerta con un comunicato ufficiale per esprimere il suo apprezzamento circa l’interesse degli investitori stranieri verso gli asset del Bel Paese.

Ma nella maggioranza, tutti i partiti, con la parziale eccezione di Italia Viva, chiedono che il governo eserciti il “golden power” e nazionalizzi la rete. Stessa soluzione prospettata da Fratelli d’Italia dall’opposizione. Il timore diffuso in Parlamento è che l’offerta di Kkr finisca per creare uno “spezzatino” tra servizio e rete TIM. Sul primo sarebbero scaricati i debiti della controllante, così come avvenne subito dopo l’infausta privatizzazione degli anni Novanta. E il fondo userebbe la rete per attingere ai copiosi finanziamenti europei legati alla digitalizzazione ed erogati tramite il Recovery Fund. In ballo ci sono complessivamente quasi 50 miliardi, di cui 41 europei e 8 complementari del governo italiano nell’arco dei prossimi sei anni.

TIM fa gola, quindi, perché sarebbe un asset imprescindibile per accedere ai tanti miliardi stanziati da Bruxelles a sostegno dell’innovazione. Il problema che si pongono in molti, a questo punto, è il seguente: Kkr digitalizzerebbe realmente il territorio nazionale o opererebbe da fondo mordi e fuggi?

Complessa partita geopolitica
Non è l’unico fattore attrattivo di TIM. La compagnia risulta oggi partecipata da Vivendi, primo azionista con una quota del 23,81%. Il socio francese non controlla il consiglio di amministrazione per effetto di un blitz avvenuto nel 2018 da parte della Cassa depositi e prestiti e in sintonia con fondi stranieri come Elliott. La famiglia Bolloré non vuole disfarsi della rete, puntando a controllare l’asset che più le interessa. L’OPA di Kkr appare a tutti gli effetti come un’operazione anti-francese (e di fatto Vivendi ha bocciato l’offerta), forse non a caso avanzata alla vigilia della firma del cosiddetto Trattato del Quirinale gestito dal presidente Sergio Mattarella.

In tanti temono che esso celi insidie ai danni dell’industria italiana e a favore della finanza transalpina. Che da anni certi poteri industriali, politici e mediatici siano asserviti a Parigi è un dato di fatto. L’America ha deciso di passare al contrattacco, non volendo perdere un alleato geopolitico strategico nel Mediterraneo. E non dimentichiamo che il 35% di CDP Reti, una controllata della CDP che a sua volta controlla infrastrutture come Italgas, Snam e Terna, si trova in mano alla cinese State Grid Corporation of China.

Lo stesso Kkr ha rilevato nel 2020 da TIM il 37,5% di FiberCop, la società che gestisce la rete secondaria, quella che va dall’armadio in strada alle case degli utenti. Infine, la CDP detiene anche il 60% di Open Fiber, società della fibra ottica con cui la rete TIM avrebbe dovuto fondersi, ma sulla cui operazione è arrivato lo stop dell’Unione Europea per ragioni di concorrenza. Il restante 40% sarà detenuto dal fondo australiano Macquarie, il quale lo ha rilevato da ENEL (e CDP è passata dal 50% al 60%).

Scorporo tra rete e servizio TIM
In sostanza, attorno a TIM gravitano poteri finanziari francesi, americani e australiani, oltre che naturalmente italiani. Attenzione anche a un dettaglio niente affatto secondario: la compagnia è a capo di Sparkle, una società che possiede 600.000 km di cavi sottomarini e tra i primi operatori al mondo. Di fatto, essa gestisce le telecomunicazioni tra governi e della difesa tra le due sponde dell’Atlantico, nonché 10 miliardi di transazioni finanziarie ogni giorno.

Un asset fin troppo sensibile per lasciarlo in mani “inopportune”.
La partita è molto seria e complicata. Opporsi all’OPA di Kkr significherebbe consegnarsi ai francesi, i quali hanno dimostrato in questi anni di non volere e sapere fare gli interessi di TIM e del Bel Paese, così come in passato era accaduto sotto il controllo della spagnola Telefonica. Acconsentire senza riserve spalancherebbe d’altra parte le porte a uno “spezzatino” tendenzialmente lesivo degli interessi societari stessi e nazionali. Lo scorporo tra rete e servizio si renderebbe necessario prima dell’OPA, ma i tempi tecnici non ci sarebbero più. E, soprattutto, cosa fare della rete dopo lo spin-off? Aggregarla con Open Fiber? Se sì, quest’ultima, ergo lo stato tramite la CDP, avrebbe la maggioranza? Oppure tendere a una fusione con FiberCop, cioè con lo stesso Kkr? E in questo caso, il controllo sarebbe dello stato?

________________________________________________________________


COSTA PARADISO NEWS SUPERA 605.898 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 152 STATI E 1123 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 04 gennaio 2021)
_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Costa Paradiso News non è un prodotto editoriale, viene aggiornato in base al materiale ricevuto dai lettori o da pubblicazioni viste sul web.

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.