Turchia, legge contro le ‘fake news’

by • 2 settembre 2021 • ESTERI, In evidenzaCommenti disabilitati su Turchia, legge contro le ‘fake news’135

Il governo turco vuole introdurre una nuova legge che prevede da uno fino a cinque anni di carcere per chi diffonde o rilancia fake news in rete o sui social network. In aggiunta, in caso di approvazione la legge prevederebbe anche la creazione di un organismo regolatore chiamato “Presidenza dei social media”. Attivisti ed esperti temono che la legge apra la strada a una ulteriore stretta sulla libertà di pensiero e di parola nel Paese, favorendo repressione e detenzione per quanti esprimono critiche verso il capo dello Stato Recep Tayyip Erdogan e il suo esecutivo.

La legislazione comporta l’introduzione dei reati di “disinformazione” e “falsa informazione” e porta la pena per il reato di diffamazione da tre mesi fino a due anni in prigione. A questo si aggiunge il progetto di creare un Direttivo per i social media all’interno del governo, cui spetta il compito di monitorare il contenuto dei commenti online e punire quelli critici.

Il mese scorso il presidente e leader del partito di maggioranza Akp (Justice and Development Party) Erdogan aveva annunciato lo studio di una norma per contrastare quello che egli definiva “il terrorismo delle bugie”. In realtà la proposta è solo l’ultimo tentativo in ordine di tempo da parte del governo di reprimere l’accesso e la libera circolazione delle informazioni in rete, soprattutto quelle critiche – o comunque non allineate – verso la leadership di Ankara.

Nel Paese i media sono sotto lo stretto controllo governativo, fatta eccezione per una piccola parte di giornali e televisioni. “Al momento – sottolinea Erkan Saka, responsabile media della Istanbul Bilgi University – la norma presenta diversi profili di ambiguità. Penso che il suo scopo sia quello di intimidire gli utenti dei social”. Essa – aggiunge – è parte della campagna che punta a “restringere” l’uso della rete, aumentando le pene per quanti diffondono critiche sui social e che, finora, “venivano rilasciati dopo pochi mesi”.

Cathryn Grothe, ricercatrice associata della Freedom House, parla di “tendenza continua del degrado della libertà su internet” con Erdogan. Questo disegno di legge, prosegue, è “un altro passo verso il cyber-autoritarismo […] e del giro di vite sulla libertà di parola e sui giornalisti in Turchia. La sanzione penale è problematica, perché sappiamo che queste leggi tendono ad avere una formulazione molto vaga per ciò che viene considerato fake news”.

Un recente inchiesta della Freedom of Expression Association, con sede a Istanbul, mostra che solo lo scorso anno sono state intraprese 32mila azioni legali verso account social e la messa al bando di 58mila siti web. Sempre nel 2020, giornali e riviste critici nei confronti del governo hanno subito un taglio pari all’88% dei finanziamenti e dei proventi derivanti dalla pubblicità.

________________________________________________________________


COSTA PARADISO NEWS SUPERA 605.898 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 152 STATI E 1123 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 04 gennaio 2021)
_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Costa Paradiso News non è un prodotto editoriale, viene aggiornato in base al materiale ricevuto dai lettori o da pubblicazioni viste sul web.

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.