Una tassa iniqua e sbagliata

by • 16 gennaio 2020 • ECONOMIA, In evidenzaCommenti disabilitati su Una tassa iniqua e sbagliata955

La così detta imposta di bollo sul deposito titoli. Si tratta di un vero e proprio salasso che colpisce i risparmi e vale lo 0,20% del valore patrimoniale finanziario complessivo di ciascun soggetto.

Per chi detenesse 100.000 euro investiti in Btp, a titolo di esempio, dovrà quindi dare allo Stato 200 euro a fine anno. Già, perché l’imposta viene calcolata sulle giacenze del deposito titoli al 31 dicembre e viene prelevata automaticamente dalla banca o intermediario finanziario agendo da sostituto d’imposta che poi la girerà al fisco.

Imposta di bollo su deposito titoli
L’imposta di bollo sul deposito titoli, introdotta nel 2012 col decreto “Salva Italia” colpisce tutti gli strumenti finanziari (azioni, obbligazioni, fondi comuni, certificati di deposito, ETF, ecc.) custoditi dagli intermediari finanziari per conto dei loro clienti. Si paga annualmente fotografando le consistenze sul dossier titoli al 31 dicembre di ogni anno, ma molte banche la ripartiscono trimestralmente. Questo per impedire che i risparmiatori ben informati, vendano gli strumenti finanziari prima della scadenza prestabilita azzerando quindi il deposito titoli per evitare di subire il salasso. Escamotage che non sempre funziona visti i costi e le commissioni di compra vendita degli strumenti finanziari a mercato che annullerebbero gli effetti del risparmio fiscale.

Quando non si paga l’imposta di bollo
L’imposta di bollo sul deposito titoli non è dovuta quando il valore medio di giacenza annuo risultante dagli estratti e dai libretti è complessivamente non superiore a 5.000 euro. Pertanto può succedere che un investitore attento provveda svuotare il deposito titoli poco prima della redazione dell’estratto conto in maniera tale che la valorizzazione del proprio portafoglio sia pari a zero per poi riacquistare gli strumenti finanziari subito dopo. Un espediente che è spesso di difficile attuazione poiché sulla compravendita dei titoli vengono applicate delle commissioni il cui costo potrebbe vanificare il risparmio sul pagamento dell’imposta di bollo. A maggior ragione se questa imposta viene applicata con scadenza trimestrale.

Una tassa iniqua e sbagliata
La patrimoniale sugli strumenti finanziari, oltre che porsi in contrasto con i principi costituzionali che tutelano il risparmio in ogni sua forma (art. 47 Cost.), appare iniqua e sbagliata. Molti economisti l’hanno criticata, ma non essendo ben visibile come lo è, ad esempio, l’IMU o il bollo auto, non fa notizia e le proteste trovano scarso accoglimento negli ambienti parlamentari. Anche perché l’imposta di bollo sul possesso degli strumenti finanziari si inserisce in un contesto già pesantemente oppresso dal fisco, laddove esiste già un prelievo del 26% sulle rendite finanziarie e imposte sulla tenuta del conto corrente, per non parlare dalla Tobin Tax. Insomma, il clima è vessatorio e controproducente per attrarre investimenti. Sarebbe stato più giusto introdurla per scaglioni introducendo altresì una franchigia per i piccoli risparmiatori.

________________________________________________________________

schermata-2016-10-01-alle-19-19-06
COSTA PARADISO NEWS SUPERA 509.000 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 138 STATI E 1026 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 31 maggio 2019)
_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Costa Paradiso News non è un prodotto editoriale, viene aggiornato in base al materiale ricevuto dai lettori o da pubblicazioni viste sul web.

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.