Undici comuni dell’Oristanese nel progetto Maristanis

by • 15 ottobre 2020 • In evidenzaCommenti disabilitati su Undici comuni dell’Oristanese nel progetto Maristanis124

Dall’istituzione di un’area plastic free alla conservazione delle biodiversità, passando per la riqualificazione ambientale e continuando con sostenibilità e green e blue economy. Il tutto attraverso un programma che unisce 11 comuni costieri che puntano a gestire e tutelare le zone umide e le aree marine del golfo di Oristano e della Penisola del Sinis. È Maristanis “progetto-destinazione di cooperazione internazionale per la definizione di un modello di gestione integrata delle zone umide e costiere del Golfo di Oristano”. Un’iniziativa cofinanziata dalla Fondazione Mava e coordinata dalla Fondazione Medsea in collaborazione con l’area marina protetta Penisola del Sinis Isola di Mal di Ventre.

Gli undici comuni coinvolti
A fine novembre è prevista la firma del contratto di costa Maristanis che darà gambe al programma attivato nel 2018 e a cui partecipano i comuni di Arborea, Arbus, Cabras, Guspini, Nurachi, Oristano, Palmas Arborea, Riola Sardo, San Vero Milis, Santa Giusta e Terralba.

L’obiettivo, da attuare seguendo sei macro obiettivi “con proposte che arrivano dal basso”, è quello di un sistema di gestione delle zone umide con una governance partecipata e un modello di sviluppo “green” sostenibile.Tra le proposte, il miglioramento dello stato ecologico delle zone umide di importanza internazionale (siti Ramsar), la tutela e la conservazione della biodiversità del territorio, la nascita della prima zona marino-costiera in Sardegna completamente plastic free con la riduzione dell’utilizzo della plastica monouso.

Azioni concrete per l’adattamento agli eventi di pioggia estremi e al cambiamento climatico, e la riqualificazione del paesaggio naturale e urbano e la valorizzazione del patrimonio culturale.

Come funziona il contratto di costa
«Il contratto di costa è uno strumento volontario di partecipazione negoziata e partecipata diffuso oggi in tutta Italia, al momento è adottato da undici Regioni italiane con più di 93 contratti in lavorazione, tra cui questo dell’Oristanese, e undici già sottoscritti, spiega Alessio Satta, presidente della Fondazione Medsea. Oggi questo contratto di costa è inquadrato sia a livello regionale che europeo, soprattutto in supporto alle linee d’azione sull’adattamento ai cambiamenti climatici. Le proposte del piano d’azione provengono dai territori e sono dei territori». E aggiunge: «Il contratto di costa dell’Oristanese è particolarmente interessante perché coinvolge 6 delle 8 zone umide di importanza internazionale (siti Ramsar) della Sardegna e l’area marina protetta Penisola del Sinis Mal di Ventre».

Per Satta il contratto è l’inizio di una nuova visione per la gestione delle risorse naturali «che non sarebbe stata possibile senza la volontà politica e l’impegno espresso dalle amministrazioni comunali coinvolte che hanno deciso di fare sistema».

Golfo di Oristano e adattamento climatico
Una sfida che si trasforma anche in un’opportunità. «Il contratto di costa, nell’ambito del progetto Maristanis, rappresenta uno strumento indispensabile per la tutela e la valorizzazione delle qualità ambientali e paesaggistiche del territorio del Golfo di Oristano e punta ad una migliore tutela e gestione del sistema di zone umide, che in Sardegna hanno un ruolo fondamentale – dice Gianni Lampis, assessore regionale della Difesa dell’Ambiente –. Grazie al contratto si potranno promuovere politiche di sostenibilità ambientale compatibili con quelle di sviluppo di quel territorio, fornire soluzione concrete per l’adattamento ai cambiamenti climatici, attraverso la gestione-conservazione degli ecosistemi marino-costieri e realizzare un modello di sviluppo economico-sociale innovativo, basato sulla tutela delle risorse ambientali e la promozione di buone pratiche di green e blue economy, che già si stanno sperimentando nel Golfo di Oristano per la creazione di nuovi posti di lavoro».

Previsto anche il coinvolgimento del mondo imprenditoriale «nell’ottica della realizzazione di un marchio che contraddistingua le produzioni tipiche del territorio, da quelle ittiche a quelle agroalimentari».

________________________________________________________________

schermata-2016-10-01-alle-19-19-06
COSTA PARADISO NEWS SUPERA 544.000 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 142 STATI E 1031 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 18 gennaio 2020)
_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Costa Paradiso News non è un prodotto editoriale, viene aggiornato in base al materiale ricevuto dai lettori o da pubblicazioni viste sul web.

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

Comments are closed.