L’ATTUALE C.d.A. SI È SEMPRE DIMOSTRATO CONTRARIO ALLA REALIZZAZIONE DELLA FOGNATURA

by • 26 luglio 2020 • ARCHIVIO DENTRO LA NOTIZIA, In evidenza, NOTIZIE DAL VILLAGGIOComments (1)2361

TRINITÀ. «Il Tar ci ha dato ragione: le ditte private possono continuare a realizzare le strutture fognarie a Costa Paradiso».
Così afferma il sindaco di Trinità d’Agultu e Vignola, Giampiero Carta, rendendo noto la decisione del tribunale amministrativo regionale nella causa che vedeva scontrarsi il Comune con la Comunità del Territorio di Costa Paradiso.

Alcune ditte private si sono proposte di realizzare il primo stralcio funzionale dell’impianto di depurazione e del sistema fognario a Costa Paradiso. Il Cda si è opposto chiedendo al Tar di annullare la delibera del consiglio comunale che autorizzava i lavori.

«Era scontato che avessimo ragione – spiega il primo cittadino –. Alcuni proprietari di immobili non fruibili per carenze strutturali, ci avevano presentato istanza per l’esecuzione dei lavori fognari che avrebbero finalmente permesso di avere l’agibilità ai loro patrimoni immobiliari.

Come amministrazione abbiamo un duplice ruolo in questa vicenda: eliminare situazioni di pregiudizio ambientale dovute alla mancanza di regolari fognature; e anche promuovere un corretto sviluppo urbanistico del nostro territorio, programmato già nel tempo».

Stando alle parole del primo cittadino, il privato si impegna a completare il sistema fognario e depurativo, sempre con le garanzie richieste dal municipio; il Comune, dal canto suo, acquisisce le infrastrutture della sub-zona per cedere contestualmente ad Egas/Abbanoa il sistema idrico/fognario e depurativo esistente, nelle condizioni dello status quo.

«L’attuale cda di Costa Paradiso – aggiunge il sindaco Carta – si è sempre dimostrato contrario alla realizzazione delle opere fognarie, a differenza di quello precedente che aveva fatto predisporre un progetto per realizzarlo. Dovevano farlo loro, dunque, ma è stato invece chiesto al Comune». (s.d.)

_______________________________________________________________


INDIFENDIBILE COMMENTO DEL C.d.A. SUL DECRETO DEL TAR 11.07.2020

_______________________________________________________________


DECRETO TAR DEL 11.07.20: LEGITTIMO IL PERMESSO RILASCIATO PER LAVORI FOGNATURA

_______________________________________________________________


RIPRESI GLI SCAVI PER IL COMPLETAMENTO DELLE INFRASTRUTTURE FOGNARIE

_______________________________________________________________


QUALE SARÀ IL FUTURO DI COSTA PARADISO ?

_______________________________________________________________


COSTA PARADISO, IL C.d.A. E LE TASCHE VUOTE

_______________________________________________________________
 

COSTA PARADISO, INAMMISSIBILE SPRECO DI ACQUA

______________________________________________________________


Il SINDACO DI TRINITÀ CHIEDE AL C.d.A. LA RIDUZIONE DELLE SPESE DI GESTIONE COMUNITARIE

_______________________________________________________________


IL TESORIERE COMUNICA CHE LA SITUAZIONE FINANZIARIA NON È ROSEA
_______________________________________________________________


DENUNCIATE PER SCARICO ABUSIVO LE ABITAZIONI DEI MEMBRI DEL CDA
________________________________________________________________


LA MOROSITÀ DEI PARTECIPANTI É DI € 1.307.000 AL 31.12.2019

________________________________________________________________

IL CONSIGLIO COMUNALE APPROVA L’ATTUAZIONE DEL PRIMO STRALCIO FOGNARIO

________________________________________________________________

IL COMUNE SFIDUCIA IL C.d.A. DI COSTA PARADISO
________________________________________________________________

LA CRISI DEL C.D.A. CON L’ ENTE LOCALE, TENEBRE SU TENEBRE
________________________________________________________________

PIÙ PROPRIETARI DIFFIDANO IL CDA PER GRAVI INADEMPIENZE

________________________________________________________________


COSTA PARADISO NEWS SUPERA 544.000 VISUALIZZAZIONI DI PAGINA IN 142 STATI E 1031 LOCALITÀ ITALIANE (Google analytics 18 gennaio 2020)
_______________________________________________________________

In osservanza al nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (GDPR), gli indirizzi mail sono conservati in modo sicuro e utilizzati esclusivamente per informare sulle attività da noi pubblicate.
Potrà cancellarsi dalle newsletter inviando un email al seguente indirizzo: redazione@costaparadisonews.it

Informativa sulla Privacy – Questa operazione è obbligatoria.
________________________________________________________________

Costa Paradiso News non è un prodotto editoriale, viene aggiornato in base al materiale ricevuto dai lettori o da pubblicazioni viste sul web.

I commenti agli articoli e gli annunci delle rubriche sono gratuiti e devono rispettare tutte le leggi e i regolamenti vigenti in Italia.
Gli annunci vengono pubblicati sempre sotto la sola responsabilità dell’utente, che all’atto della richiesta dell’annuncio dichiara altresì di conoscere e accettare le Condizioni Generali di Servizio.

La redazione di Costaparadisonews non potrà essere ritenuta responsabile ad alcun titolo per quanto descritto dagli utenti e per la loro condotta.

Le relazioni intrattenute tra gli utenti del Servizio, incluso l’acquisto, lo scambio di informazioni, anche per il tramite del form di risposta all’annuncio, la consegna o il pagamento di beni o servizi, avvengono esclusivamente tra utenti senza che Costaparadisonews sia parte della relazione.
______________________________________________________________
Informativa sulla Privacy
______________________________________________________________
Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Puoi disabilitare i cookie sul tuo browser, oppure accettarli e continuare a navigare.
PER SAPERNE DI PIÙ

______________________________________________________________

.

Pin It

One Response to L’ATTUALE C.d.A. SI È SEMPRE DIMOSTRATO CONTRARIO ALLA REALIZZAZIONE DELLA FOGNATURA

  1. michele Sanna ha detto:

    La caparbietà con cui l’attuale C.d.A. vuole incrementare le spese per pagare le parcelle agli avvocati è davvero da manuale! Qualsiasi motivo è sempre un pretesto per intentare una causa contro qualcuno. Hanno speso 467.000 euro nostri per pagare onorari agli avvocati che gongolano, sorridono e ingrassano. Loro non vogliono realizzare la fognatura a Costa Paradiso e non vogliono che la si realizzi. Però, come ha giustamente affermato il Sindaco di Trinità, persistere nell’errore e intentare liti temerarie, non solo costituisce reato, ma ne dovranno rispondere civilmente di fronte ai proprietari che, a breve, li chiameranno in giudizio. E di questo ne siano certi! Vogliamo che venga convocata l’assemblea per il rinnovo del C.d.A.!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *